19.1 C
Rome
mercoledì, Aprile 24, 2024
- Pubblicità -
WorldEuropaI procuratori dell'UE scoprono un caso di contrabbando professionale di auto di...

I procuratori dell’UE scoprono un caso di contrabbando professionale di auto di lusso ad Amburgo 3,5 milioni di euro persi in dazi all’importazione

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

Auto di lusso – Secondo il risultato delle indagini della Procura europea (EPPO) di Amburgo e dell’Ufficio investigativo doganale di Hannover, quattro persone sono sospettate di aver costituito un gruppo criminale per contrabbandare autoveicoli di alto prezzo e di averli dichiarati alla autorità doganali ad un valore falsamente ridotto.

Sono accusati di contrabbando sia di gruppo che professionale e di evasione dei dazi all’importazione. Uno degli imputati è inoltre sospettato di riciclaggio di denaro, in un caso in cui ha acquistato un’auto di contrabbando sapendo dell’illegalità della sua importazione, in particolare che i dazi all’importazione per il veicolo erano stati evasi.

Tra il 2018 e settembre 2021, un gruppo criminale operante a livello internazionale in Germania, Estonia e Paesi Bassi ha importato più di 40 veicoli a motore per un valore totale di circa 14,8 milioni di euro da non-Unione Europea paesi (in particolare la Russia e in Asia) attraverso la Lituania e i Paesi Bassi nell’UE, senza pagare dazi all’importazione (dazi doganali e tasse all’importazione). Il gruppo ha ingannato le autorità doganali competenti in Lituania e nei Paesi Bassi sull’effettivo valore reale dei veicoli importati dichiarando danni causati dall’acqua o da inondazioni o difetti tecnici. Successive ispezioni di questi veicoli hanno dimostrato che non erano difettosi o danneggiati in alcun modo.

I veicoli sono stati successivamente venduti dagli imputati con profitto, tramite le loro concessionarie di automobili.

Le autorità doganali ingannate

Resta inteso che l’inganno delle autorità doganali in merito al valore ridotto delle merci importate è stato effettuato nei Paesi Bassi e in Lituania tramite intermediari, che hanno creato il falso valore delle auto importate con l’obiettivo di ottenere lo sdoganamento più basso possibile. I documenti di importazione e doganali sono stati quindi preparati in modo tale che il le autorità doganali sono state indotte a credere che il valore dei veicoli fosse stato ridotto.

Il EPPO ha sequestrato diverse auto di lusso di contrabbando per un valore complessivo di quasi 1 milione di euro e, sulla base delle prove disponibili, saranno processati 32 casi.

Le accuse sono state depositate presso il tribunale regionale di Osnabrück (Große Wirtschaftsstrafkammer, Landgericht Osnabrück), che sta attualmente esaminando l’apertura del procedimento principale.

Da un’altra testata giornalistica news de www.europeantimes.news

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.