0.3 C
Rome
lunedì, Dicembre 11, 2023
- Pubblicità -
notizieReligioneLa persecuzione dei cristiani nel mondo, soprattutto in Iran, evidenziata al Parlamento...

La persecuzione dei cristiani nel mondo, soprattutto in Iran, evidenziata al Parlamento europeo

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

La persecuzione dei cristiani in Iran è stata al centro della presentazione della World Watch List 2023 dell’Ong protestante Open Doors ieri, giovedì 25 gennaio, al Parlamento Europeo (PE). Secondo il loro rapporto, 360 milioni di cristiani in tutto il mondo subiscono alti livelli di persecuzione e discriminazione per la loro fede, 5621 cristiani sono stati assassinati e 2110 chiese sono state attaccate l’anno scorso.

L’evento è stato ospitato da L’eurodeputato Peter Van Dalen e l’eurodeputata Miriam Lexmann (gruppo PPE).

Peter Van Dalen ha commentato il dannoso rapporto di Open Doors come segue:

“È molto preoccupante vedere che la persecuzione dei cristiani è ancora in aumento nel mondo. È quindi molto importante che in tutto il suo lavoro sui diritti umani, il Parlamento europeo non trascuri il diritto alla libertà, alla religione o al credo! Sono grato a organizzazioni come Open Doors che continuano a ricordarci l’urgenza e l’importanza di queste questioni”.

eurodeputato Peter Vandalen

Eurodeputato Nicola Birra (Gruppo Renew Europe), uno dei vicepresidenti del PE, ha tenuto un discorso speciale incentrato sul ruolo positivo e costruttivo delle comunità religiose nelle società democratiche e, di conseguenza, sulla necessità di difendere la libertà di religione o di credo.

Signora Dabrina Bet-Tamraz, una protestante della minoranza etnica assira in Iran, ora residente in Svizzera, era stata invitata a testimoniare sulla persecuzione dei cristiani in Iran, attraverso l’esempio della sua stessa famiglia.

20230125 Dabrina Bet Tamraz persecuzione Iran - La persecuzione dei cristiani nel mondo, soprattutto in Iran, evidenziata al Parlamento Europeo

Quando ero adolescente eravamo costantemente sotto sorveglianza; eravamo infastiditi e c’erano spie nella chiesa. Non sapevamo di chi potevamo fidarci. Eravamo pronti a far uccidere chiunque in famiglia in qualsiasi momento, come era successo in molte altre comunità cristiane. A scuola sono stata discriminata dagli insegnanti e dal preside. Sono stato stigmatizzato sia come cristiano che come assiro dagli altri studenti.
Dopo che la Shahrara Assyrian Church di mio padre è stata chiusa nel 2009, sono stato arrestato molte volte per essere interrogato sulle attività dei membri della nostra chiesa. Sono stato tenuto in custodia senza permesso legale, senza alcuna agente donna presente ma solo in un ambiente maschile, il che è stressante per un adolescente. Sono stato minacciato di stupro.
Ora mi sento al sicuro in Svizzera, ma quando i funzionari del Ministero dell’intelligence iraniano hanno pubblicato un articolo sui social media con le mie foto e il mio indirizzo di casa, incoraggiando gli uomini iraniani che vivono in Svizzera a “farmi visita”, ho dovuto trasferirmi in un’altra casa. Anche al di fuori dell’Iran, rimaniamo minacciati per la nostra vita se riveliamo le violazioni dei diritti umani del regime.

Dabrina Bet-Tamraz

Per molti anni, il padre di Dabrina, Il pastore Victor Bet-Tamraze sua madre, Shamiran Issavi Khabizeh condividevano la loro fede con i musulmani di lingua farsi, cosa proibita in Iran, e formavano i convertiti.

20230126 Chiesa cristiana in Iran - La persecuzione dei cristiani nel mondo, soprattutto in Iran, evidenziata al Parlamento Europeo
Credito fotografico: pastore Victor Bet-Tamraz

Il pastore Victor Bet-Tamraz è stato ufficialmente riconosciuto come ministro dal governo iraniano e ha guidato la Shahrara Assyrian Pentecostal Church a Teheran per molti anni fino a quando il ministero dell’Interno l’ha chiusa nel marzo 2009 per lo svolgimento di servizi in farsi – era allora l’ultima chiesa in L’Iran terrà servizi nella lingua dei musulmani iraniani. La chiesa è stata successivamente autorizzata a riaprire sotto una nuova guida, con servizi condotti solo in assiro. Il pastore Victor Bet-Tamraz e sua moglie si sono poi trasferiti nel ministero della chiesa domestica, ospitando riunioni a casa loro.

I genitori di Dabrina sono stati arrestati nel 2014 ma sono stati rilasciati su cauzione. Nel 2016 sono stati condannati a dieci anni di carcere. La loro udienza d’appello è stata rinviata più volte fino al 2020. Quando è stato ovvio che la pena detentiva sarebbe stata mantenuta, hanno deciso di lasciare l’Iran. Ora vivono con la loro figlia, fuggita in Svizzera nel 2010.

Nel frattempo aveva studiato teologia evangelica nel Regno Unito e ora è pastora in una chiesa di lingua tedesca in Svizzera. La sua campagna per la libertà religiosa in Iran l’ha portata al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra, alla seconda riunione ministeriale annuale per il progresso della libertà religiosa a Washington DC e all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, oltre a molti altri eventi.

Al Parlamento europeo a Bruxelles, ha invitato le autorità iraniane a farlo

ordinare il rilascio immediato e incondizionato dei cristiani detenuti con false accuse relative alla pratica della loro fede e alle attività religiose; e difendere il diritto alla libertà di religione o di credo per ogni cittadino, indipendentemente dal suo gruppo etnico o linguistico, compresi i convertiti di altre religioni”.

Ha chiesto alla comunità internazionale, compresa l’Unione Europea, di ritenere l’Iran responsabile del maltrattamento delle minoranze religiose. Ha esortato le autorità iraniane a mantenere il loro obbligo di garantire la libertà di religione e di credo a tutti i loro cittadini in conformità con gli strumenti internazionali che hanno firmato e ratificato.

L’eurodeputata Miriam Lexmann, dalla Slovacchia, ex paese comunista, ha sottolineato la natura antireligiosa dell’ideologia marxista imposta al suo paese per decenni dopo la seconda guerra mondiale. Ha lanciato un vibrante appello per la libertà di coscienza e di credo, dicendo:

Miriam Lexmann European Parliament 1024x682 - La persecuzione dei cristiani nel mondo, soprattutto in Iran, evidenziata al Parlamento Europeo
MEP Miriam Lexmann – Credito fotografico: Parlamento europeo

“La libertà di religione o credo è la pietra angolare di tutti i diritti umani. Quando la libertà religiosa viene attaccata, tutti i diritti umani sono minacciati. Lottare per la libertà religiosa è lottare per tutti i diritti umani e per la democrazia. Un certo numero di paesi come la Cina, un altro paese comunista, ha sviluppato alcuni metodi molto sofisticati per amputare parte della libertà religiosa delle loro popolazioni. Cerco di condividere le mie preoccupazioni con i miei colleghi di altri gruppi politici in Parlamento, ma per vari motivi è difficile aprire le loro menti”.

Eurodeputato Nicola Birradalla Germania, ha sottolineato che le comunità religiose svolgono un ruolo importante nei nostri paesi democratici, contribuiscono alla stabilità delle nostre società e forniscono assistenza alle persone più vulnerabili attraverso le loro organizzazioni caritative.

23038 original Nicola Beer - La persecuzione dei cristiani nel mondo, soprattutto in Iran, evidenziata al Parlamento Europeo
Nicola Birra | Fonte: Parlamento europeo Audiovisivo

Lottare per la libertà di religione o di credo contribuisce alla difesa di tutti i diritti umani, ma molto spesso i miei colleghi al Parlamento dimenticano la libertà religiosa quando danno la priorità ai diritti umani che dovrebbero essere difesi”. lei disse. “La situazione sta peggiorando in tutto il mondo ed è importante che persone come Dabrina Bet-Tamraz testimonino di questo deterioramento. Abbiamo il privilegio di decidere e scegliere liberamente a quali credenze religiose o non religiose vogliamo aderire. È un privilegio e un tesoro che dovremmo apprezzare appieno perché in molti Paesi pensare in modo diverso è percepito come una minaccia”.

Durante il dibattito con il numeroso pubblico, L’eurodeputato Peter Van Dalen è stato contestato sull’efficacia delle sanzioni adottate dall’Unione europea. La sua risposta è stata molto convincente:

Peter Vandalen - La persecuzione dei cristiani nel mondo, soprattutto in Iran, evidenziata al Parlamento europeo
Peter Vandalen - La persecuzione dei cristiani nel mondo, soprattutto in Iran, evidenziata al Parlamento europeo

“L’anno scorso, ad aprile, l’avvocato di una coppia cristiana in Pakistan mi ha chiamato per chiedere aiuto perché erano nel braccio della morte da anni con le cosiddette accuse di blasfemia e potevano essere condannati a morte. Si è deciso di presentare una risoluzione di emergenza sulla loro situazione. La mozione ha ottenuto un enorme sostegno e due settimane dopo sono stati rilasciati, ufficialmente “per mancanza di prove”. Dimostra che le risoluzioni del Parlamento europeo non passano inosservate e possono essere molto efficaci. Quei due cristiani potrebbero lasciare il Pakistan e ora vivere in un Paese democratico occidentale. Sulla base di questo successo, ho appena preso l’iniziativa di inviare a lettera al SEAE ea Josep Borrell firmato da otto eurodeputati per mettere in discussione la legittimità dei vantaggi commerciali legati allo status SPG+, troppo generosamente concesso al Pakistan e mantenuto nonostante le ricorrenti violazioni della libertà religiosa e dei diritti umani in Pakistan. Il 17 gennaio, infatti, l’Assemblea nazionale del Pakistan ha aumentato da tre a dieci anni di reclusione la pena per gli insulti a pie personalità dell’Islam, in particolare ai familiari del profeta Maometto.

Da un’altra testata giornalistica news de www.europeantimes.news

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.