7.1 C
Rome
venerdì, Dicembre 1, 2023
- Pubblicità -
News100 milioni di persone a rischio: il costo nascosto dell'aumento dei prezzi...

100 milioni di persone a rischio: il costo nascosto dell’aumento dei prezzi dei fertilizzanti

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

Il fertilizzante è un componente essenziale nell’agricoltura moderna, poiché fornisce nutrienti vitali alle colture che le aiutano a crescere sane e abbondanti. Senza fertilizzanti, il suolo può impoverirsi di nutrienti chiave come azoto, fosforo e potassio, portando a raccolti ridotti e prodotti di qualità inferiore.

Uno studio suggerisce che l’aumento dei prezzi dei fertilizzanti potrebbe minacciare altri 100 milioni di persone con denutrizione.

Il conflitto in Ucraina ha portato al blocco di quantità significative di grano, orzo e mais, tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che le ridotte esportazioni alimentari dalla regione hanno un impatto minore sull’aumento dei prezzi alimentari rispetto a quanto si temeva in precedenza.

Uno studio condotto dai ricercatori del Università di Edimburgo indica che il fattore principale dell’insicurezza alimentare nei prossimi decenni sarà il significativo aumento dei prezzi dell’energia e dei fertilizzanti.


Fino ad ora, il modo in cui l’aumento dei prezzi dell’energia e dei fertilizzanti e le restrizioni all’esportazione influissero sui futuri prezzi alimentari globali era poco compreso. Ci sono state anche poche analisi per quantificare l’entità del danno che gli aumenti del prezzo del cibo potrebbero avere sulla salute nutrizionale umana e sull’ambiente.

Il team ha utilizzato un modello computerizzato di utilizzo del suolo globale per simulare gli effetti delle restrizioni all’esportazione e dei picchi nei costi di produzione sui prezzi del cibo, sulla salute e sull’uso del suolo fino al 2040.

Le loro simulazioni suggeriscono che l’effetto combinato delle restrizioni all’esportazione, dell’aumento dei costi energetici e dei prezzi dei fertilizzanti a metà del 2022 – che sono tre volte superiori rispetto all’inizio dell’anno precedente – potrebbe causare un aumento dei costi alimentari dell’81% nel 2023 rispetto ai livelli del 2021 .


Le restrizioni all’esportazione rappresentano solo una piccola parte degli aumenti di prezzo simulati, afferma il team. L’arresto delle esportazioni dalla Russia e dall’Ucraina aumenterebbe i costi alimentari nel 2023 del 2,6%, mentre i picchi dei prezzi dell’energia e dei fertilizzanti causerebbero un aumento del 74%.

L’aumento dei prezzi del cibo porterebbe a un peggioramento della dieta di molte persone, afferma il team.

I risultati suggeriscono che potrebbero esserci fino a un milione di morti in più e più di 100 milioni di persone denutrite se i prezzi elevati dei fertilizzanti continueranno. I maggiori aumenti di decessi sarebbero nell’Africa subsahariana, nel Nord Africa e nel Medio Oriente.

La modellazione stima che forti aumenti del costo dei fertilizzanti, che sono fondamentali per produrre raccolti elevati, ne ridurrebbero notevolmente l’uso da parte degli agricoltori. Senza fertilizzanti è necessario più terreno agricolo per produrre il cibo del mondo, afferma il team.


Le simulazioni indicano che entro il 2030 ciò potrebbe aumentare i terreni agricoli di un’area pari a gran parte del Western Europa – Belgio, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna e Regno Unito. Ciò avrebbe gravi ripercussioni sulla deforestazione, le emissioni di carbonio e la perdita di biodiversità, afferma il team.

Lo studio è pubblicato sulla rivista Natura Cibo. Ha coinvolto anche ricercatori del Karlsruhe Institute of Technology in Germania, della Rutgers University negli Stati Uniti e dell’Università di Aberdeen.

Il dottor Peter Alexander, della School of GeoSciences dell’Università di Edimburgo, che ha guidato lo studio, ha dichiarato: “Questa potrebbe essere la fine di un’era di cibo a buon mercato. Mentre quasi tutti ne sentiranno gli effetti sulla loro spesa settimanale, saranno le persone più povere della società, che potrebbero già avere difficoltà a permettersi abbastanza cibo sano, a essere colpite più duramente.

“La Black Sea Grain Initiative è uno sviluppo positivo e ha ampiamente permesso di ristabilire le esportazioni alimentari dell’Ucraina, ma l’immediatezza di questi problemi sembra aver distolto l’attenzione dall’impatto dei prezzi dei fertilizzanti. Sebbene i prezzi dei fertilizzanti stiano scendendo dai picchi di inizio anno, rimangono alti e questo potrebbe ancora alimentare la continua inflazione elevata dei prezzi alimentari nel 2023. Occorre fare di più per spezzare il legame tra l’aumento dei prezzi alimentari e i danni alla salute umana e l’ambiente”.

Riferimento: “I prezzi elevati dell’energia e dei fertilizzanti sono più dannosi della riduzione delle esportazioni alimentari dall’Ucraina e dalla Russia per i prezzi alimentari, la salute e l’ambiente” di Peter Alexander, Almut Arneth, Roslyn Henry, Juliette Maire, Sam Rabin e Mark DA Rounsevell, 23 Dicembre 2022, Nature Food.
DOI: 10.1038/s43016-022-00659-9

Da un’altra testata giornalistica news de www.europeantimes.news

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.