19.1 C
Rome
mercoledì, Aprile 24, 2024
- Pubblicità -
WorldEuropaGli esperti delle Nazioni Unite lodano il Comitato olimpico internazionale per aver...

Gli esperti delle Nazioni Unite lodano il Comitato olimpico internazionale per aver preso in considerazione l’ammissione di atleti russi e bielorussi

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

1 febbraio 2023 Diritti umani

Mercoledì due esperti delle Nazioni Unite hanno elogiato il Comitato olimpico internazionale (CIO) per aver considerato l’ammissione di atleti della Federazione Russa e della Bielorussia alle competizioni sportive come concorrenti “neutrali”.

Sullo sfondo della continua e mortale invasione russa dell’Ucraina, gli esperti ha esortato il CIO ad adottare una decisione in quella direzione e ad andare oltre.

È necessaria una parità di condizioni

URL del tweet

Alexandra Xanthaki, Special Rapporteur nel campo dei diritti culturali e Ashwini KP, Special Rapporteur sulle forme contemporanee di razzismo, discriminazione razziale, xenofobia e relativa intolleranzaha chiesto all’organismo olimpico mondiale di garantire anche la non discriminazione di qualsiasi atleta in base alla sua nazionalità, e ha sottolineato che nessun atleta dovrebbe essere obbligato a prendere posizione nel conflitto.

Sport senza discriminazioni

Con il permesso del CIO, gli atleti potrebbero avere la possibilità di partecipare ai Giochi Olimpici di Parigi nel 2024. A seguito delle discussioni degli esperti delle Nazioni Unite con il Comitato Esecutivo del CIO, sabato l’organismo sportivo mondiale ha rilasciato una dichiarazione riferendosi alla necessità di rispettare i diritti di tutti gli atleti ad essere trattati senza alcuna discriminazionein linea con la Carta Olimpica.

Nella sua dichiarazione, ha detto il CIO “a nessun atleta dovrebbe essere impedito di gareggiare solo a causa del passaporto” e che “un percorso per la partecipazione degli atleti alle competizioni a condizioni rigorose dovrebbe quindi essere ulteriormente esplorato.

La Carta Olimpica deve prevalere

La Carta Olimpica deve essere la guida, hanno detto i Relatori Speciali. Considerano la recente dichiarazione del CIO un’inversione del divieto raccomandato dal comitato sportivo mondiale di atleti e funzionari di quei paesi, che è arrivato pochi giorni dopo l’invasione della Federazione Russa di Ucraina nel febbraio 2022.

“La raccomandazione del CIO ha sollevato seri problemi di discriminazione diretta”, gli esperti delle Nazioni Unite disse. “Comprendiamo il desiderio di sostenere gli atleti ucraini e la comunità olimpica ucraina, che soffre terribilmente per la guerra, insieme a tutti gli altri ucraini, ma il Comitato Olimpico e più ampiamente la comunità olimpica hanno anche l’obbligo imperativo di rispettare la Carta Olimpicae più ampiamente internazionale diritti umani norme che vietano la discriminazione”.

Stesse regole per tutti

Facendo riferimento alla condizione del CIO secondo cui solo gli atleti russi e bielorussi che non hanno sostenuto attivamente la guerra in Ucraina sarebbero autorizzati a competere in veste neutrale, gli esperti hanno esortato il CIO a compiere ulteriori passi per allineare le sue raccomandazioni agli standard internazionali sui diritti umani sulla non discriminazione. “Quando gli Stati ignorano in modo così flagrante i diritti umani, abbiamo un obbligo maggiore di sostenere i nostri valori comuni”, dicevano gli esperti.

“Questa condizione apre la porta a pressioni e interpretazioni”, hanno detto. “Le stesse regole devono valere per tutti gli atleti, qualunque sia la loro nazionalità. Ciò include la regola secondo cui qualsiasi difesa dell’odio nazionale, razziale o religioso che costituisce incitamento alla discriminazione, all’ostilità o alla violenza sarà proibito.”

Cio: sanzioni non negoziabili

Nel frattempo, il CIO ha rilasciato una dichiarazione martedì, ribadendo ciò “le sanzioni contro gli Stati ei governi russo e bielorusso non sono negoziabili. Sono stati confermati all’unanimità dal recente vertice olimpico del 9 dicembre 2022”. La dichiarazione sul divieto del CIO – che, tra l’altro, vieta alla Federazione Russa e alla Bielorussia di ospitare competizioni sportive internazionali – è arrivata subito dopo che il Consiglio Olimpico dell’Asia aveva invitato gli atleti russi e bielorussi a gareggiare nella regione.

In recenti notizie, la leadership ucraina ha condannato la decisione del Consiglio Olimpico dell’Asia di includere atleti russi e bielorussi.

Ruolo dei relatori delle Nazioni Unite

I relatori speciali sono nominati dalle Nazioni Unite Consiglio dei diritti umaniche ha sede a Ginevra. Hanno il compito di esaminare e riferire su un tema specifico dei diritti umani o sulla situazione di un paese.

Gli incarichi sono onorari e gli esperti non sono remunerati per il loro lavoro.

Da un’altra testata giornalistica news de www.europeantimes.news

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.