20 C
Rome
mercoledì, Aprile 24, 2024
- Pubblicità -
InternationalGuterres invita i paesi a finanziare interamente l'appello per il terremoto di...

Guterres invita i paesi a finanziare interamente l’appello per il terremoto di 397 milioni di dollari per la Siria

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

Il segretario generale delle Nazioni Unite martedì annunciato un appello umanitario da 397 milioni di dollari per aiutare la popolazione della Siria devastata dal terremoto, per aiutare a garantire soccorsi “disperatamente necessari” per quasi cinque milioni di persone.

António Guterres ha detto ai giornalisti al di fuori del Consiglio di Sicurezza a New York da cui gli aiuti “devono arrivare Tutto lati” e il finanziamento coprirebbe un periodo iniziale di tre mesi.

Ha detto che un appello simile è in fase di finalizzazione per i sopravvissuti oltre confine a Türkiye.

Bisogno ‘immenso’

Immediatamente dopo i terremoti, le Nazioni Unite hanno fornito rapidamente 50 milioni di dollari attraverso il Central Emergency Response Fund (CERF), ma i bisogni sono immensi”, ha affermato.

“Lo sforzo siriano riunisce l’intero sistema delle Nazioni Unite e i partner umanitari e contribuirà a garantire un aiuto salvavita di cui hanno disperatamente bisogno per quasi 5 milioni di siriani, compresi alloggi, assistenza sanitaria, cibo e protezione”.

Ha detto che fornire i soccorsi è stato il modo più efficace per i paesi di aiutare il paese distrutto dalla guerra, che è ancora nella morsa di una guerra civile di 12 anni, con gran parte della zona del terremoto nella regione di confine nord-occidentale, controllata dai combattenti dell’opposizione , con molti residenti sfollati più volte e già in uno stato di crisi umanitaria.

“Conosciamo tutti quell’aiuto salvavita non è arrivato alla velocità e alla portata necessarie”, ha detto il capo delle Nazioni Unite, con milioni di persone “che lottano per la sopravvivenza, senza casa e con temperature gelide”.

‘Fare tutto il possibile’

Stiamo facendo tutto il possibile per cambiare questa situazione, ma è necessario molto di più” ha dichiarato.

“Ho un messaggio urgente alla comunità internazionale: le persone che soffrono per questo epico disastro naturale non dovrebbe essere aggravata da ostacoli creati dall’uomo – accesso, finanziamento, forniture.

Squadre di emergenza e di ricerca e soccorso si sono schierate per valutare e dare priorità ai bisogni urgenti e per fornire assistenza salvavita in seguito al devastante terremoto vicino al confine tra Turchia e Siria.

Gli aiuti devono passare da Tutto lati, a Tutto lati, attraverso Tutto itinerari – senza alcuna restrizione”, ha sottolineato, osservando che in seguito alle assicurazioni della Siria di ieri sera, sono stati ora aperti due ulteriori valichi per consentire più aiuti nel nord-ovest.

“Mentre parliamo, un convoglio di 11 camion è in movimento per attraversare Bab Al-Salam con molti altri in arrivo”, ha detto.

È tempo di “azione concertata”

Ha invitato tutti gli Stati membri, e altri nella comunità dei donatori, “a finanziare completamente questo sforzo senza indugio e aiutare i milioni di bambini, donne e uomini le cui vite sono state sconvolte da questo disastro generazionale.

“Questo è un momento di unità, di comune umanità e di concertazione.

Senza restrizioni

Alla domanda se fosse necessaria una risoluzione del Consiglio di sicurezza per cementare l’accordo bilaterale tra le Nazioni Unite e le autorità siriane, Guterres ha affermato che la realtà era che i valichi erano aperti e il movimento era in corso.

Rispondendo a un’altra domanda sulla necessità di negoziare con i leader dell’opposizione militare nel nord-ovest al di fuori del controllo delle autorità siriane, ha ribadito il suo appello affinché tutti i corridoi di aiuto siano aperti, “senza restrizioni”.

© UNHCR/Hameed Maarouf – Le famiglie si rifugiano in una moschea nel distretto Al-Midan di Aleppo, in Siria, che è stata trasformata in un rifugio collettivo.

© UNHCR/Hameed Maarouf – Bambini dormono in una moschea nel distretto Al-Midan di Aleppo, Siria



Da un’altra testata giornalistica news de www.europeantimes.news

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.