19.1 C
Rome
mercoledì, Aprile 24, 2024
- Pubblicità -
WorldEuropaIl Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ascolta le echeggiate richieste di...

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ascolta le echeggiate richieste di porre fine alla guerra in Ucraina

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

“La vita è un inferno per il popolo ucraino”, ha detto il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres detto al Consiglioche ha tenuto più di 40 dibattiti sul conflitto dall’invasione su vasta scala della Russia un anno fa.

In tale occasione, l’organo di 15 membri ha tenuto una riunione a livello ministeriale sulla scia dell’assemblea generale delle Nazioni Unite nuova domanda che la Russia lasci immediatamente l’Ucraina, adottata alla ripresa dell’organismo mondiale undicesima sessione straordinaria di emergenza SU Giovedì.

“Le pistole stanno parlando ora, ma alla fine sappiamo tutti che il la via della diplomazia e della responsabilità è la strada per una pace giusta e sostenibilein linea con il Carta delle Nazioni Unite e il diritto internazionale”, ha affermato il Segretario generale.

IL conflitto ha cancellato il 30 per cento dei posti di lavoro prebellici, milioni sono sfollatie quasi 40 per cento della popolazione dell’Ucraina richiedono aiuto e protezione. Quasi 10 milioni di personecompresi 7,8 milioni di bambini, sono a rischio di disturbo da stress post-traumatico acutoha detto, aggiungendo che Anche la Russia sta soffrendo le conseguenze mortali.

“Dobbiamo prevenire un’ulteriore escalationincoraggiare ogni sforzo significativo per porre fine allo spargimento di sangue e, finalmente, dare una possibilità alla pace,” Egli ha detto.

Foto delle Nazioni Unite/Evan Schneider

Dmytro Kuleba (al tavolo), ministro degli Affari esteri dell’Ucraina, interviene alla riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sul mantenimento della pace e della sicurezza in Ucraina.

Ucraina: “Bisogna fare giustizia”

Il ministro ucraino degli Affari esteri Dmytro Kuleba ha sottolineato chiare violazioni delle disposizioni della Carta relative a atti di aggressionedetto “La Russia è il problema del mondo.”

“Bisogna fare giustizia”, ha detto. In questo senso, lui chiesto la creazione di un tribunale speciale con giurisdizione sul reato di aggressione contro l’Ucraina e la capacità di gestire le immunità personali dei principali autori.

“Pace significa giustizia, e tutte le nazioni amanti della pace otterranno la pace sul campo di battaglia e al tavolo diplomatico”, ha detto, chiedendo un minuto di silenzio in memoria delle vittime dell’aggressione.

Russia: “L’obiettivo non è distruggere l’Ucraina”

L’ambasciatore russo Vassily Nebenzia ha affermato che “l’obiettivo della nostra operazione militare non è distruggere l’Ucraina”. Ma c’era stata un’occasione persa per forgiare la pace.

Foto delle Nazioni Unite/Eskinder Debebe

Vassily Nebenzia, Rappresentante Permanente della Federazione Russa presso le Nazioni Unite, interviene alla riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sulle minacce alla pace e alla sicurezza internazionale.

Ricordando che il conflitto era iniziato con un colpo di stato nel 2014, ha detto che l’Ucraina “non è una vittima” ed è “fino ai gomiti nel sangue e nei tatuaggi nazisti”. Se Kyiv non avesse fatto la guerra al popolo di Donetsk e Luhansk, non ci sarebbe stato bisogno dell’operazione militare speciale della Russia, ha aggiunto.

“Se la Russia interrompe le ostilità, l’Ucraina continuerà a discriminare le persone di lingua russa e a glorificare il nazismo”, ha avvertito. “Se l’Ucraina ferma le ostilità, salverà molte vite. La Russia è pronta a negoziare per la pace.”

Risuonano inviti alla pace

Facendo eco agli appelli alla pace, molti membri del Consiglio hanno indicato tali riflessioni di forte sostegno internazionale come i 141 paesi che hanno votato per la nuova risoluzione dell’Assemblea Generale.

“Se abbandoniamo l’Ucraina, abbandoniamo il Carta delle Nazioni Unite stesso e invitare un mondo in cui la forza fa il giusto e il forte domina il debole”, ha detto il segretario di Stato americano Antony Blinken, aggiungendo che il presidente russo Vladimir Putin “non è riuscito a spezzare lo spirito” degli ucraini.

Sottolineandolo I membri del Consiglio devono ora spingere per una pace giusta e garantire la responsabilità, ha detto “non possiamo mai lasciare che i crimini commessi dalla Russia diventino ‘normali’. Dietro ogni atrocità in questa disgraziata guerra e nei conflitti in tutto il mondo c’è un essere umano. Un uomo ha iniziato questa guerra: Vladimir Putin; un uomo può farla finita.

Impatto globale

La guerra ha causato a grave crisi globaleanche tra i paesi in via di sviluppo, annullando i guadagni realizzati nel COVID 19 ripresa dalla pandemia, ha affermato Domingos Estêvão Fernandes del Mozambico, che si era astenuto dalla nuova risoluzione dell’Assemblea Generale.

Da un Prospettiva africana, ha detto, le guerre portano solo alla sofferenza delle persone. Nell’adempiere al proprio dovere, la comunità internazionale deve ora sostenere le disposizioni della Carta delle Nazioni Unite sulla sicurezza collettiva, ha aggiunto.

L’ambasciatore Michel Xavier Biang del Gabon, anch’egli astenuto sulla nuova risoluzione, ha affermato che la Carta delle Nazioni Unite costituisce il fondamento dell’esistenza di tutte le nazioni. Ricordando le opinioni divergenti condivise in seno al Consiglio nell’ultimo anno, ha chiesto l’unità “per mettere a tacere le armi in Ucraina”.

“È tempo per arginare il flusso sanguigno”, ha detto, sottolineando l’impatto devastante di vasta portata della guerra. “Come membri del Consiglio, dobbiamo una risposta a tutti coloro che sono stati uccisi e feriti e a coloro che chiedono quando possono tornare a casa”.

‘Guerra di scelta’

Josep Borrell, alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, ha affermato che questa è una “guerra scelta” dal presidente Putin.

“Questa guerra è importante sia per i principi in gioco che per le onde d’urto che sta creando; ha bisogno di fermarsi, e deve finire adesso”, ha detto, indicando le proposte ucraine e cinesi su tale obiettivo. “Guardando al futuro, dobbiamo costruire Questo [new General Assembly] risoluzione e farlo accadere.”

Il capo delle Nazioni Unite chiede un’azione urgente

All’inizio dell’incontro, il Segretario generale delle Nazioni Unite ha delineato una serie di azioni urgenti. Gli sforzi devono dare la priorità protezione civilecompresa la fine degli attacchi mirati contro di loro e l’uso di armi esplosive con effetti su vasta area nelle aree popolate.

image1024x768 8 - Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ascolta le echeggiate richieste di porre fine alla guerra in Ucraina

Foto delle Nazioni Unite/Evan Schneider

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres si rivolge alla riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sul mantenimento della pace e della sicurezza in Ucraina.

Alcuni risultati dimostrano che la cooperazione internazionale è possibile, anche in mezzo a un conflitto, ha affermato, sottolineando l’importanza di un impegno continuo nel Iniziativa per i cereali del Mar Nerocon cui più di 700 navi hanno trasportato più di 20 milioni di tonnellate di derrate alimentari alle catene di approvvigionamento globali. Poiché l’accordo scade a marzo, ne ha chiesto la proroga.

Allo stesso tempo, il Segretario generale ha chiesto accesso umanitario senza ostacoli per l’assistenza salvavita e il sostegno agli sforzi di ricostruzione e recupero. Inoltre, ha esortato tutte le parti a concordare e attuare rapidamente a sicurezza nucleare e zona di protezione della sicurezza presso la più grande centrale nucleare d’Europa a Zaporizhzhia, in linea con l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA).

Minacce velate di usare armi nucleari nel contesto del conflitto hanno aumentato i rischi nucleari a livelli mai visti dai giorni più bui della guerra fredda”, ha affermato. “Queste minacce sono inaccettabili.”

Da un’altra testata giornalistica news de www.europeantimes.news

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.