4.7 C
Rome
sabato, Dicembre 2, 2023
- Pubblicità -
EconomiaL'ex ministro delle finanze bulgaro acquista parte dell'attività della banca russa sanzionata...

L’ex ministro delle finanze bulgaro acquista parte dell’attività della banca russa sanzionata VTB

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

L’ex ministro delle finanze bulgaro (partito NDSV) Milen Velchev (2001-2005) acquisterà l’unità di commercio di materie prime con sede in Svizzera della banca russa VTB, una banca statale a maggioranza russa con sede in varie regioni federali della Russia; il suo indirizzo legale è registrato a San Pietroburgo; a partire dal 2022, il capitale della società è principalmente di proprietà di tre agenzie russe. È la seconda banca più grande della Federazione Russa dopo Sberbank e uno dei primi istituti finanziari ad essere sanzionato dall’Unione Europea a causa della guerra in Ucraina.

All’acquisto parteciperà il fratello dell’ex ministro Georgi, secondo Bloomberg e Investor report. Pertanto, questa unità di VTB può funzionare di nuovo. Nel novembre 2022 si è saputo che la maggior parte dei dipendenti dell’azienda era stata licenziata e solo 19 delle 80 persone erano rimaste. Alcuni di loro non sono stati nemmeno pagati a causa delle misure punitive. La società non può effettuare pagamenti o assumere avvocati per difenderla.

Il prezzo della transazione non è stato reso noto. Velchev ha solo indicato che la società opererà con un nuovo nome e che le decisioni sul suo lavoro saranno “riviste”.

I due fratelli Velchev lavoravano in società di investimento. L’ex ministro faceva parte di Merrill Lynch, e suo fratello – a Morgan Stanley.

Milen Velchev faceva parte del governo di Simeone di Sassonia-Coburgo, e in seguito il rappresentante per Bulgaria dell’unità di investimento VTB Capital. Secondo i dati del registro delle imprese, lui, insieme al suo viceministro Krasimir Katev e suo fratello Georgi, ha cercato di acquistare questa unità nel maggio 2022, ma le sanzioni contro la Russia hanno bloccato l’affare. Alla fine di marzo, la seconda banca più grande della Russia ha dichiarato che stava vendendo il suo VTB Europa unità, con sede in Germania. Nel frattempo, la banca centrale russa ha riferito che il settore nel paese ha ridotto i suoi profitti di 12 volte nel 2022.

Nel frattempo, il Consiglio dell’Unione Europea ha annunciato a fine gennaio di aver deciso di estendere di sei mesi, fino al 31 luglio, le sanzioni economiche contro la Federazione Russa. Sono state introdotte per la prima volta nel 2014 in risposta alle azioni russe in Ucraina e sono stati notevolmente ampliati dal febbraio 2022 sulla scia dell’invasione delle truppe russe sul suolo ucraino. Le misure includono restrizioni su commercio, finanza, tecnologia e beni a duplice uso, produzione, trasporti e beni di lusso. Includono il divieto di importazione o spedizione via mare di petrolio greggio e di alcuni prodotti petroliferi dalla Russia al Unione Europea, l’esclusione di diverse banche russe dal sistema di pagamento internazionale SWIFT, la sospensione della trasmissione di diversi media di disinformazione sostenuti dal Cremlino, l’annuncio citato da BTA. Orbán: porrò il veto alle sanzioni sull’industria nucleare russa Il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha affermato che il suo paese porrà il veto a qualsiasi sanzione dell’Unione europea contro la Russia che influisca sul suo… Leggi di più L’UE ha introdotto varie sanzioni in risposta alle azioni della Russia in Ucraina. Questi includono restrizioni alle relazioni economiche dovute al sequestro illegale della Crimea e di Sebastopoli, nonché delle regioni di Donetsk e Luhansk. Sono state inoltre imposte sanzioni a numerosi cittadini e organizzazioni russi, i cui beni sono stati congelati e il divieto di recarsi nell’UE.

Foto di Dmitry Trepolsky: https://www.pexels.com/photo/the-famous-saint-basil-s-cathedral-in-russia-8285167/

Da un’altra testata giornalistica news de www.europeantimes.news

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.