-9.6 C
Rome
domenica, Febbraio 25, 2024
- Pubblicità -
WorldEuropaLituania, scoperta frode da 580000 euro su fondi Ue

Lituania, scoperta frode da 580000 euro su fondi Ue

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

frode di fondi UE – La Procura europea (EPPO) ha depositato lo scorso 1° febbraio presso il tribunale distrettuale di Vilnius (Lituania) un atto d’accusa contro sei imputati per frode in materia di procedure di appalto, che ha causato un danno di 580 mila euro al bilancio dell’UE, poiché completamente guarito grazie alle tempestive indagini.

I convenuti sono una società attiva nel campo della filtrazione dell’aria e della ventilazione industriale, insieme a due dei suoi amministratori ea tre soci di società colluse. Sono accusati di aver deliberatamente gonfiato i prezzi delle apparecchiature robotiche utilizzate per la produzione di filtri dell’aria, acquistate con i fondi del programma operativo 2014-2020 per i fondi strutturali e di investimento dell’UE, assegnato dall’Agenzia per l’innovazione della Lituania, ottenendo così fino a 580.000 euro illecitamente .

Per risalire alla trama criminosa, gli inquirenti hanno analizzato una catena di transazioni finanziarie fittizie per un importo di 1,2 milioni di euro, nonché corrispondenza e contatti instaurati con società in Francia, Germania, Svezia, Svizzera, Taiwan e Tacchinoin un’inchiesta che ha coinvolto anche il servizio investigativo sulla criminalità finanziaria della Lituania.

Secondo l’inchiesta, gli imputati hanno organizzato l’acquisto di Unione Europea-apparecchiature finanziate da fornitori esteri e appalti simulati che ne gonfiavano notevolmente il prezzo, rispetto a quanto effettivamente pagato. Sono inoltre accusati di frode contabile e falsificazione di documenti, al fine di ingannare l’Agenzia per l’innovazione lituana.

A marzo 2021, l’agenzia aveva trasferito alla società circa 580.000 euro, per coprire i costi apparentemente sostenuti.

Tutti gli indagati hanno ammesso di aver commesso i reati di cui sono accusati. La società, inoltre, prima del giudizio, ha integralmente rimborsato quanto illegittimamente percepito.

Per i reati più gravi addebitati in questo procedimento penale, tra le altre sanzioni alternative, il codice penale della Lituania prevede la reclusione fino a 8 anni e una multa fino a 100.000 MSL (importo minimo di sussistenza) applicabile alle società (€ 4,9 milioni).

Da un’altra testata giornalistica news de www.europeantimes.news

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.