8.9 C
Rome
domenica, Dicembre 10, 2023
- Pubblicità -
WorldEuropaL'Ucraina ha bisogno di una pace 'attuabile', sente il Consiglio di sicurezza,...

L’Ucraina ha bisogno di una pace ‘attuabile’, sente il Consiglio di sicurezza, riunitosi nell’anniversario dell’accordo di Minsk

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

La pace non è solo la firma di un accordo“, ha affermato Miroslav Jenča, Assistente del Segretario generale delle Nazioni Unite per l’Europa, l’Asia centrale e le Americhe, che ha informato i membri durante un incontro richiesto dalla Federazione Russa – mentre si avvicina il traguardo di un anno, da quando il Cremlino ha lanciato la sua invasione su vasta scala dell’Ucraina .

Il signor Jenča lo ha sottolineato trasformare le parole sulla carta in azioni sul campo è particolarmente importante data l’attuale complessità della situazione in Ucraina, nonché le sue implicazioni per il futuro dell’architettura di sicurezza europea “e per lo stesso ordine internazionale”.

Cessate il fuoco sulla carta

Gli accordi di Minsk, noti anche come accordo di Minsk II, sono stati firmati nel febbraio 2015 dai rappresentanti dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), Russia, Ucraina e le autoproclamate Repubblica popolare di Donetsk e Repubblica popolare di Luhansk.

L’accordo ha stabilito una serie di misure politiche e militari per porre fine ai combattimenti tra forze governative e separatisti nell’Ucraina orientale.

Tra le altre disposizioni, Minsk accorda ai firmatari impegnati un cessate il fuoco immediato e completo in alcune aree delle regioni di Donetsk e Luhansk, un elemento che è ampiamente considerato come mai entrato in vigore.

IL Consiglio di Sicurezza ha tradizionalmente riuniti annualmente nell’anniversario della firma degli accordi di Minsk.

Nessun ruolo formale delle Nazioni Unite

Il signor Jenča lo ha ricordato venerdì al Consiglio di sicurezza le Nazioni Unite non hanno svolto alcun ruolo formale in alcun meccanismo relativo al processo di pace in Ucraina, negli ultimi otto anni.

Non è stato invitato a partecipare ai vari negoziati di Minsk, né agli stessi accordi del 2014 e 2015, e non è stato coinvolto negli sforzi di attuazione guidati dal Gruppo di contatto trilaterale dell’OSCE, composto da rappresentanti di tre parti.

Tuttavia, le Nazioni Unite hanno costantemente sostenuto la sua attuazioneanche attraverso l’adozione all’unanimità da parte del Consiglio di sicurezza del risoluzione 2202 (2015) il 17 febbraio 2015.

L’Organizzazione ha inoltre offerto sostegno, ove richiesto e appropriato, e ha fornito supporto di esperti alla Missione speciale di monitoraggio dell’OSCE nell’Ucraina orientale, ora defunta.

Allo stesso tempo, ha affermato Jenča, le Nazioni Unite sono ferme nel loro sostegno di principio all’indipendenza, alla sovranità e all’integrità territoriale dell’Ucraina all’interno dei suoi confini riconosciuti a livello internazionale.

“Profondo shock e delusione”

Anche il Consiglio è stato informato Martin Sajdik, già Rappresentante speciale dell’OSCE per i negoziati di Minsk dal 2015 al 2019.

Oltre a Minsk II, ha fornito una panoramica di altri progressi diplomatici e battute d’arresto durante il suo mandato, concordando sul fatto che molte disposizioni mancavano della necessaria volontà politica diventare realtà sul terreno.

Sottolineando l’attenzione dell’OSCE per la sicurezza e le esigenze dei civili su entrambi i lati della linea di contatto, ha affermato che il numero delle vittime civili è diminuito notevolmente negli anni precedenti l’attuale scoppio dei combattimenti.

Tra gli altri successi, la gestione dell’acqua e le condizioni ai valichi di frontiera sono migliorate nel 2019, un anno che ha visto – per la prima volta dall’inizio dei combattimenti nel 2014 – non un solo bambino ucciso a causa delle ostilità.

Sullo sfondo di questi successi duramente conquistati, Sajdik ha espresso il suo “profondo shock e delusione” per la spirale di violenza che ha scosso l’Ucraina dal 2022.

Da un’altra testata giornalistica news de www.europeantimes.news

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.