1.2 C
Rome
lunedì, Dicembre 11, 2023
- Pubblicità -
WorldEuropaTürkiye terremoto – 60 secondi di terrore

Türkiye terremoto – 60 secondi di terrore

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

Quando i devastanti terremoti di lunedì hanno colpito Türkiye e la Siria, uccidendo migliaia di persone, Olga Borzenkova, portavoce dell’agenzia delle Nazioni Unite per le migrazioni (IOM), si trovava a Gaziantep, Türkiye, una delle aree più colpite. Descrive la sua esperienza e lo sforzo di risposta all’emergenza che è in corso.

“Come centinaia di migliaia di altre persone nel sud-est della Turchia, stavo dormendo profondamente quando il mondo ha iniziato a tremare. Non so proprio come descriverlo a chi non ha sentito un terremoto, figuriamoci uno dei più forti mai registrati in questa regione.

È completamente surreale. Il pavimento e le pareti tremavano, si piegavano, e mentre correvamo giù per i tre piani fino alla strada il nostro unico pensiero era quello di allontanarci molto, molto lontano dagli edifici.

Sono stati sessanta secondi del peggior terrore che abbia mai provato. Quando ci siamo calmati un po’ e ci siamo resi conto di essere sopravvissuti allo scuotimento, ci siamo anche resi conto che stava piovendo, avevamo freddo e le nostre gambe sembravano gelatina, come se non facessero realmente parte del nostro corpo. Tutti intorno a noi gridavano, urlavano, urlavano.

© UNOCHA/Ali Haj Suleiman – Continua la ricerca dei sopravvissuti a Samada, in Siria, dopo il terremoto del 6 febbraio.

‘Triste oltre le parole’

Ci abbiamo messo un po’ ma alla fine abbiamo trovato un posto dove ripararci dopo l’urgenza della seconda scossa, in una scuola. Insieme a centinaia di altri ci siamo seduti, sdraiati o in piedi sul campo da basket, comunicando alle nostre famiglie che eravamo al sicuro.

Poi ho fatto il check-in con il lavoro e ho iniziato a valutare come potevo aiutare, come potevo dire loro cosa stava succedendo, come rendere omaggio alle persone meravigliose che stavano facendo tutto il possibile per aiutare me e migliaia come me.

Abbiamo trascorso lunedì notte in un rifugio gestito dal governo. Abbiamo sentito qualche tremito ma era comodo e avevamo bevande calde e del cibo, oltre a un posto dove dormire. Ora sono in ufficio, mi sto aggiornando su tutto, inclusa la straziante notizia che abbiamo perso un collega. Alcuni altri sono feriti e hanno perso familiari e, in alcuni casi, la casa. Altri come il mio membro del team sono sopravvissuti solo per miracolo a Hatay.

È triste oltre le parole. Un minuto stavamo dormendo e quello dopo siamo parte di uno dei più grandi disastri del pianeta.

Sto urlando dentro, con disperazione, dolore e paura. Ma guardo i miei colleghi, i miei vicini e i miei amici, che sono colpiti molto più di me, e mi ispirano ad andare avanti.

Enormi bisogni di riparo

image300x180cropped - Prima persona: Türkiye terremoto – 60 secondi di terrore
Olga Borzenkova, portavoce dell’OIM, Gaziantep, Türkiye.

Türkiye è ovviamente estremamente soggetta ai terremoti e ha costruito un meccanismo di risposta di livello mondiale. Lavoriamo con loro da più di 30 anni e sono partner fenomenali. Ma anche loro saranno messi a dura prova da questo. Questo è un doppio colpo – oltre un milione di persone fuggite dalla guerra in Siria hanno uno status di protezione temporanea nell’area più colpita dal sisma.

Stiamo parlando con il governo per vedere come possiamo aiutare al meglio. In tutte le situazioni come questa, la prima esigenza è la ricerca e il salvataggio, e so che le squadre si stanno riversando nel paese da tutto il mondo per assistere. Ovviamente ci sarà un enorme bisogno di riparo: così tante migliaia, forse centinaia di migliaia di persone saranno senzatetto e il tempo sarà gelido. Avranno bisogno di un posto dove dormire a breve termine. E avranno bisogno di vestiti caldi, acqua, cibo, riscaldamento, ci saranno traumi e ferite da schiacciamento, ci saranno enormi cicatrici mentali.

Le comunità saranno state devastate: le scuole e gli ospedali saranno stati danneggiati, i luoghi di lavoro spazzati via. La logistica degli aiuti sarà diabolica: strade e piste dovranno essere riparate rapidamente. Questa sarà un’enorme operazione di salvataggio, risposta e recupero e siamo pronti a rispondere in qualsiasi modo il governo ci chieda, per tutto il tempo necessario.

Da un’altra testata giornalistica news de www.europeantimes.news

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.