1.2 C
Rome
lunedì, Dicembre 11, 2023
- Pubblicità -
notizieSaluteUn nuovo studio suggerisce che il peso corporeo è importante

Un nuovo studio suggerisce che il peso corporeo è importante

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

La vitamina D è un nutriente essenziale che svolge un ruolo cruciale nel mantenimento di una buona salute. Aiuta il corpo ad assorbire il calcio, che è importante per ossa e denti forti, e aiuta anche a regolare il sistema immunitario e mantenere una corretta funzione muscolare.

Gli individui con un indice di massa corporea più elevato hanno mostrato una risposta indebolita all’integrazione di vitamina D, il che potrebbe spiegare le disparità negli esiti come cancro, diabete e malattie autoimmuni.

Ricercatori di Brigham and Women’s Hospital, un membro del sistema sanitario Mass General Brigham, hanno scoperto nuove prove che suggeriscono che il modo in cui la vitamina D viene metabolizzata può variare negli individui con un indice di massa corporea (BMI) elevato. I risultati, pubblicati in

“L’analisi dei dati VITAL originali ha rilevato che l’integrazione di vitamina D era correlata a effetti positivi su diversi esiti di salute, ma solo tra le persone con un BMI inferiore a 25”, ha affermato il primo autore Deirdre K. Tobias, ScD, epidemiologo associato presso la Brigham’s Division of Medicina preventiva. “Sembra che stia accadendo qualcosa di diverso con il metabolismo della vitamina D a pesi corporei più elevati, e questo studio può aiutare a spiegare i risultati ridotti dell’integrazione per le persone con un indice di massa corporea elevato”.

La vitamina D è un nutriente essenziale coinvolto in molti processi biologici, in particolare aiuta il nostro corpo ad assorbire minerali, come calcio e magnesio. Mentre parte della vitamina D di cui abbiamo bisogno è prodotta nel corpo dalla luce solare, le carenze di vitamina D sono spesso trattate con l’integrazione. Prove da studi di laboratorio, ricerca epidemiologica e ricerca clinica hanno anche suggerito che la vitamina D può svolgere un ruolo nell’incidenza e nella progressione del cancro e delle malattie cardiovascolari, ed è stata questa evidenza che ha spinto lo studio VITAL originale.

Lo studio VITAL era uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo su 25.871 partecipanti statunitensi, che includevano uomini di età superiore ai 50 anni e donne di età superiore ai 55 anni. Tutti i partecipanti erano liberi da cancro e malattie cardiovascolari al momento dell’arruolamento . Mentre lo studio ha riscontrato pochi benefici dell’integrazione di vitamina D per prevenire il cancro, l’infarto o l’ictus nella coorte complessiva, c’era una correlazione statistica tra BMI e incidenza del cancro, mortalità per cancro e incidenza di malattie autoimmuni. Altri studi suggeriscono risultati simili per il diabete di tipo 2.


Il nuovo studio mirava a indagare su questa correlazione. I ricercatori hanno analizzato i dati di 16.515 partecipanti dello studio originale che hanno fornito campioni di sangue al basale (prima della randomizzazione alla vitamina D), così come 2.742 con un campione di sangue di follow-up prelevato dopo due anni. I ricercatori hanno misurato i livelli di vitamina D totale e libera, così come molti altri nuovi biomarcatori per la vitamina D, come i suoi metaboliti, il calcio e l’ormone paratiroideo, che aiuta il corpo a utilizzare la vitamina D.

“La maggior parte degli studi come questo si concentra sul livello totale di vitamina D nel sangue”, ha affermato l’autore senior JoAnn E. Manson, MD, DrPH, capo della divisione di medicina preventiva presso il Brigham e ricercatore principale di VITAL. “Il fatto che siamo stati in grado di esaminare questo profilo ampliato dei metaboliti della vitamina D e dei nuovi biomarcatori ci ha fornito informazioni uniche sulla disponibilità e sull’attività della vitamina D e se il metabolismo della vitamina D potrebbe essere interrotto in alcune persone ma non in altre”.

I ricercatori hanno scoperto che l’integrazione di vitamina D ha aumentato la maggior parte dei biomarcatori associati al metabolismo della vitamina D nelle persone, indipendentemente dal loro peso. Tuttavia, questi aumenti erano significativamente inferiori nelle persone con un indice di massa corporea elevato.

“Abbiamo osservato notevoli differenze dopo due anni, indicando una risposta attenuata all’integrazione di vitamina D con un indice di massa corporea più elevato”, ha detto Tobias. “Ciò può avere implicazioni cliniche e potenzialmente spiegare alcune delle differenze osservate nell’efficacia dell’integrazione di vitamina D in base allo stato di obesità”.


“Questo studio fa luce sul motivo per cui stiamo assistendo a riduzioni del 30-40% dei decessi per cancro, delle malattie autoimmuni e di altri esiti con l’integrazione di vitamina D tra coloro che hanno un indice di massa corporea più basso, ma benefici minimi in quelli con un indice di massa corporea più elevato, suggerendo che potrebbe essere possibile ottenere benefici in tutta la popolazione con un dosaggio più personalizzato di vitamina D”, ha affermato Manson. “Queste sfumature chiariscono che c’è di più nella storia della vitamina D”.

Gli autori concludono che i risultati di VITAL sono un invito all’azione per la comunità di ricerca a continuare a esplorare i potenziali benefici dell’integrazione di vitamina D per prevenire il cancro e altre malattie e a tenere conto del BMI quando si valutano gli impatti sulla salute dell’integratore.

Riferimento: “Associazione del peso corporeo con risposta all’integrazione e al metabolismo della vitamina D” di Deirdre K. Tobias, ScD, Heike Luttmann-Gibson, Ph.D., Samia Mora, MD, MHS, Jacqueline Danik, MD, DrPH, Vadim Bubes , Ph.D., Trisha Copeland, MS, RD, Meryl S. LeBoff, MD, Nancy R. Cook, ScD, I-Min Lee, MD, ScD, Julie E. Buring, Sc e JoAnn E. Manson, MD, DrPH, 17 gennaio 2023, Rete JAMA aperta.
DOI: 10.1001/jamannetworkopen.2022.50681

La coautrice Julie Buring ha riferito che sua moglie faceva parte del comitato consultivo scientifico di Pharmavite, che forniva vitamina D e placebo. Ulteriori divulgazioni possono essere trovate nella pubblicazione JAMA Network Open.

La sperimentazione sulla vitamina D e Omega-3 è stata sostenuta dal National Center for Complementary and Integrative Health e, durante la fase di intervento, è stata sostenuta da sovvenzioni del National Cancer Institute; Istituto Nazionale di Cuore, Polmone e Sangue; Ufficio degli integratori alimentari; Istituto Nazionale di Malattie Neurologiche e Ictus; e il Centro nazionale per la salute complementare e integrativa. Gli studi accessori sono supportati da sovvenzioni di più istituti, tra cui il National Heart, Lung e Blood Institute; l’Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Renali; l’Istituto nazionale sull’invecchiamento; l’Istituto nazionale di artrite e malattie muscoloscheletriche e della pelle; l’Istituto Nazionale di Salute Mentale; e altri. Pharmavite LLC di Northridge, California (vitamina D) e Pronova BioPharma della Norvegia e BASF (olio di pesce Omacor) hanno donato gli agenti dello studio, i placebo corrispondenti e l’imballaggio sotto forma di pacchetti calendario. Quest Diagnostics ha misurato la 25-idrossivitamina D sierica, l’ormone paratiroideo e altri biomarcatori senza alcun costo per lo studio. Il Dr. LeBoff ha riportato sovvenzioni dal National Institute of Arthritis and Musculoskeletal and Skin Diseases e sovvenzioni dal National Institute of Arthritis and Musculoskeletal and Skin Diseases.

Da un’altra testata giornalistica news de www.europeantimes.news

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.