4.7 C
Rome
sabato, Dicembre 2, 2023
- Pubblicità -
notizieCulturaUna mummia sirena prova l'esistenza di bellezze mistiche

Una mummia sirena prova l’esistenza di bellezze mistiche

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

La mummia è una creatura essiccata con una coda simile a un pesce e pinne nella parte inferiore del busto, e una testa umana e mani alzate verso il viso nella parte superiore

I ricercatori della Kurashiki University of Science and Arts hanno risolto il mistero di una “sirena” custodita in un tempio buddista, ha detto l’istituzione sul suo sito web.

La mummia è una creatura essiccata con una coda simile a un pesce e pinne nella parte inferiore del busto, e una testa umana e mani alzate al viso nella parte superiore.

La ricerca, con il permesso del Santuario Kan’enji Enjin, è stata condotta dal febbraio dello scorso anno, utilizzando l’esame a raggi X, la tomografia computerizzata, l’analisi del DNA, la microscopia elettronica e il metodo dell’analisi del carbonio.

Si scoprì che la coda della “sirena” faceva parte di un pesce gobbo, le braccia, le spalle e il viso erano ricoperti dalla pelle di un pesce palla chiamato fugu, e l’interno del busto e della testa erano imbottiti con cotone e carta.

Le foto mostrano chiaramente che non vi è alcuna parvenza di teschio o scheletro nella parte superiore, a differenza della parte inferiore della “sirena”, dove sono ben visibili le pinne e la spina dorsale. I capelli sulla testa appartengono a un mammifero e le unghie a un animale. La mummia è datata alla seconda metà del XIX secolo. Ci sono perni di metallo nella testa e nella parte inferiore. Quindi probabilmente la “sirena” è stata mummificata da un essere umano.

Non si sa con certezza come la “sirena” sia arrivata nel tempio, ma dal documento conservato è chiaro che fu catturata intorno al 1736-1740 e venduta a un certo Kojima a Osaka. Nel 1906 fu acquistato dalla famiglia Kojima da Toyoshiro Komori.

Gli scienziati affermano che finora sono note 13 di queste mummie di “sirene”, conservate in Giappone. Sono principalmente raffigurati in due pose: simili al dipinto di Munch L’urlo, come quello in esame, e sdraiati a pancia in giù. Informazioni sulle sirene sono state trovate in Giappone già nel XVII secolo. Si sa anche che mummie di “sirene” giapponesi sono conservate in alcuni musei europei, in particolare il British Museum e il Museo etnologico di Leiden, nei Paesi Bassi. Tale ricerca viene condotta per la prima volta.

Foto: https://twitter.com/Johnny_suputama/status/1623320602353233923/photo/1



Da un’altra testata giornalistica news de www.europeantimes.news

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.