-9.6 C
Rome
domenica, Febbraio 25, 2024
- Pubblicità -
notizieAmbienteFungo super intelligente che può sostituire la plastica

Fungo super intelligente che può sostituire la plastica

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

Nella ricerca di affascinanti alternative alla plastica, i ricercatori finlandesi potrebbero aver appena trovato un vincitore, che sta già crescendo sulla corteccia degli alberi.

La sostanza in questione è un tipo di fungo noto come Fomes fomentarius. Cresce sulla corteccia in decomposizione degli alberi e in passato veniva utilizzato principalmente come accendifuoco, da cui il soprannome di “fungo in polvere” (detto anche “fungo dello zoccolo” perché la sua forma ricorda uno zoccolo), un grosso fungo poliporo perenne.

Tuttavia, un gruppo di ricerca del Centro di ricerca tecnica finlandese VTT ritiene che potrebbe essere molto di più, scrive The Cool Down.

“I corpi fruttiferi di Fomes fomentarius sono costrutti biologici ingegnosamente leggeri, semplici nella composizione ma efficaci nel loro scopo. “Coltivare il materiale utilizzando ingredienti semplici è una soluzione alternativa per superare i costi, i tempi, la produzione di massa e la sostenibilità del modo in cui produciamo e consumiamo i materiali in futuro”, afferma la ricerca del team, recentemente pubblicata su Science Advances.

In breve, invece di produrre plastica in serie a un costo enorme per il nostro pianeta, in futuro potremmo semplicemente coltivare una spugna con un’integrità strutturale simile alla plastica.

Fomes fomentarius “ha uno strato esterno protettivo molto denso e duro, ha uno strato intermedio poroso più morbido e uno strato interno forte e resistente”, secondo il dott. Pejman Mohammadi, uno dei coautori dello studio. Ciò significa che l’uso della spugna può essere incredibilmente vario.

Mohammadi dice alla CNN che le potenziali applicazioni per Fomes fomentarius potrebbero includere materiali che assorbono gli urti, isolamento termico e acustico e persino parti per prodotti di consumo.

Il fungo impiega dai sette ai dieci anni per raggiungere dimensioni significative in natura, ma i ricercatori ritengono che in laboratorio potrebbero produrne molto in poche settimane.

“Con i progressi della biotecnologia industriale, prevediamo la produzione di tonnellate di funghi nel giro di poche settimane, a differenza dei funghi selvatici che impiegano anni per crescere”, afferma Mohammadi.

Foto: Pixabay

Da un’altra testata giornalistica news de europeantimes.news

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.