-9.6 C
Rome
domenica, Febbraio 25, 2024
- Pubblicità -
notizie“Bodhicitta è la causa principale di un Buddha”, ha sottolineato Sua Santità...

“Bodhicitta è la causa principale di un Buddha”, ha sottolineato Sua Santità il Dalai Lama

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

Sua Santità il Dalai Lama ha camminato dai cancelli alla sua residenza fino allo Tsuglagkhang, il tempio tibetano principale, per dare un insegnamento in forma di celebrazione

Dharamsala, HP, India, 4 giugno 2023

Oggi è il giorno di luna piena, il giorno principale, di Saga Dawa, il quarto mese del calendario lunare tibetano, quando i tibetani ricordano la nascita e l’illuminazione del Buddha Shakyamuni. Sua Santità il Dalai Lama ha camminato dai cancelli alla sua residenza fino allo Tsuglagkhang, il tempio tibetano principale, per dare un insegnamento a titolo di celebrazione. Mentre si faceva strada al centro del cortile del tempio, camminava da una parte all’altra per salutare e salutare le persone lì riunite.

Raggiunto il tempio, salutò un gruppo di monaci Theravada che erano seduti alla destra del trono e nella prima fila di monaci davanti ad esso. Dai gradini del trono, Sua Santità ha alzato le mani giunte per rendere omaggio al Buddha e si è fermato un momento in preghiera silenziosa. Il “Sutra del cuore” è stato recitato in tibetano mentre si sedeva, seguito da un’offerta di mandala. Furono serviti tè e pane.

“Oggi, miei fratelli e sorelle del Dharma”, ha esordito Sua Santità, “è quando noi seguaci del Buddha ricordiamo il raggiungimento dell’illuminazione da parte del Buddha.

“Come è detto, ‘i Saggi non lavano via le azioni malsane con l’acqua, né rimuovono le sofferenze degli esseri con le loro mani. Né trapiantano la propria realizzazione negli altri. È insegnando la verità della talità che liberano gli esseri.’

“Motivato dalla compassione, l’intenzione del Buddha era di insegnare a condurre gli esseri senzienti fuori dalla sofferenza. Per molti eoni ha pensato di beneficiare gli esseri senzienti e alla fine è diventato illuminato. Ha insegnato che la sofferenza deriva da cause e condizioni. Quelle cause e condizioni non sono correlate a un agente esterno, come un dio creatore, ma si verificano a causa delle menti indisciplinate degli esseri senzienti. Poiché tendiamo a essere sopraffatti dall’attaccamento, dalla rabbia e dall’odio, ci impegniamo in azioni e creiamo karma, che dà origine alla sofferenza.

“Sebbene le cose siano semplicemente designate e non abbiano un’esistenza oggettiva o indipendente, sembrano esistere dal loro lato e noi ci aggrappiamo a quell’apparenza di esistenza indipendente. Vale a dire, ci aggrappiamo a una visione distorta. Per aiutare gli esseri a chiarire questa visione distorta, il Buddha insegnò le Quattro Nobili Verità, che la sofferenza deve essere conosciuta e le sue cause sradicate, la cessazione deve essere attualizzata coltivando il sentiero.

“Ha anche insegnato che la sofferenza avviene su diversi livelli di sottigliezza: la sofferenza della sofferenza, la sofferenza del cambiamento e la sofferenza esistenziale. Le cause e le condizioni dirette della sofferenza risiedono nelle nostre azioni e afflizioni mentali. La nostra visione distorta che le cose hanno un’esistenza oggettiva e indipendente è alla radice delle nostre afflizioni mentali. Il Buddha ha insegnato che, contrariamente a ciò, tutti i fenomeni sono privi di un nucleo o essenza sostanziale: sono privi di esistenza inerente. Capire questo agisce come una forza contraria, e meglio lo capiamo, più le nostre afflizioni mentali si riducono.

Sua Santità il Dalai Lama si rivolge alla congregazione riunita per assistere al suo insegnamento della Saga Dawa presso il tempio tibetano principale a Dharamsala, HP, India, il 4 giugno 2023. Foto di Tenzin Choejor

Sua Santità ha ripreso gli “Otto versi per allenare la mente”, ha sottolineato che la maggior parte di noi è soggetta all’orgoglio e all’arroganza, ma questo testo ci consiglia di non considerarci migliori o superiori alle altre persone. Il secondo versetto dice: ‘Ogni volta che sono in compagnia di altri, posso considerarmi inferiore a tutti.’ Gli altri esseri umani, ha sottolineato, sono proprio come noi; anche loro hanno dei difetti, ma questo non è un motivo per respingerli o provare disprezzo per loro. Se ti consideri inferiore a tutti gli altri, seminerai il seme di qualità superiori. L’umiltà porta a uno status elevato.

Il verso successivo consiglia: “Non lasciarti sopraffare dalle afflizioni mentali”. Il Buddha ei grandi maestri che vennero dopo di lui mostrarono come superare le emozioni negative.

“Dopo l’arrivo del buddismo in Tibet”, ha osservato Sua Santità, “sono sorte diverse tradizioni, come Sakya, Nyingma, Kagyu e Kadampas seguendo il grande maestro indiano Atisha. I maestri Kadampa erano famosi per la loro umiltà. Uno di loro, l’autore di questi ‘Otto Versi’, Geshé Langri Thangpa era conosciuto come Lang-thang dalla faccia lunga. Pianse per la difficile situazione degli esseri senzienti. La sua coltivazione di bodhichitta, la mente che si risveglia, era tale che era determinato ad essere di aiuto agli altri. Recito questi suoi versi ogni giorno.

“Come dice il terzo verso, qualunque cosa tu stia facendo e ovunque tu sia, quando sorgono emozioni negative o afflizioni mentali, contrastale. Quando gli altri ti criticano o ti insultano, non pensare a ritorsioni, offri loro la vittoria.

“Dove il sesto verso dice che se qualcuno fa un grave torto facendoti del male, consideralo un eccellente amico spirituale, significa che invece di essere arrabbiato con lui, genera compassione. Ci sono leader comunisti in Cina che mi criticano e condannano la cultura tibetana, ma agiscono in questo modo per ignoranza, miopia e ristrettezza mentale, ecco perché provo compassione per loro.

“Il verso sette dice: ‘possa io prendere segretamente su di me tutto il loro male e il loro dolore’ e si riferisce all’impegno discreto nella pratica del dare e ricevere in silenzio nel tuo cuore. Infine, il versetto otto conclude: ‘Possa io vedere tutte le cose come illusioni e, senza attaccamento, ottenere la libertà dalla schiavitù.’”

2023 06 04 Dharamsala N12 SR51856 “Bodhicitta è la causa principale di un Buddha”, ha sottolineato Sua Santità il Dalai Lama
Sua Santità il Dalai Lama commenta “Otto versi per allenare la mente”, l’argomento del suo insegnamento della Saga Dawa presso il tempio tibetano principale di Dharamsala, HP, India, il 4 giugno 2023. Foto di Tenzin Choejor

Sua Santità ha chiesto: “Qual è la causa principale di un Buddha? — bodhichitta, la mente altruistica dell’illuminazione. Sulla base di tale mente, il Buddha accumulò meriti e saggezza per tre innumerevoli eoni. A causa di bodhichitta divenne illuminato. Anche noi dovremmo fare della bodhicitta la nostra pratica principale.

“Non appena mi sveglio al mattino, genero bodhichitta, che spesso fa venire le lacrime agli occhi. Il messaggio chiave del Buddha era coltivare bodhicitta. Il punto non è solo superare le nostre afflizioni mentali, ma raggiungere la fine del percorso raggiungendo l’illuminazione.

“Quando hai bodhicitta, ti senti a tuo agio. La rabbia, l’odio e la gelosia si placano, di conseguenza puoi essere rilassato e dormire sonni tranquilli. Come persone con fede in Avalokiteshvara, puoi pensare a lui nella parte superiore della tua testa, aspirare a sviluppare qualità come le sue e poi addormentarti pacificamente.

“Il Buddha insegnò le Quattro Nobili Verità, la Perfezione della Saggezza e la natura della mente, ma l’essenza di tutti i suoi insegnamenti è la mente altruistica di bodhichitta. Se dovesse apparire tra noi oggi, il suo consiglio sarebbe lo stesso, sviluppare la mente del risveglio di bodhichitta. Tutti noi vogliamo essere felici ed evitare o superare la sofferenza. Il modo per realizzarlo è coltivare bodhicitta. Pensa a tutti gli esseri senzienti nella distesa dello spazio e aspira a diventare un Buddha per tutti loro.”

2023 06 04 Dharamsala N13 SR51861 “Bodhichitta è la causa principale di un Buddha”, ha sottolineato Sua Santità il Dalai Lama
Sua Santità il Dalai Lama si unisce alle preghiere al termine del suo insegnamento della Saga Dawa presso il tempio principale tibetano a Dharamsala, HP, India, il 4 giugno 2023. Foto di Tenzin Choejor

Sua Santità ha guidato la congregazione nel recitare tre volte il seguente verso per coltivare formalmente bodhicitta:

Cerco rifugio finché non sono illuminato
Nel Buddha, nel Dharma e nell’Assemblea Suprema,
Attraverso la raccolta di meriti ottenuti donando e altri (perfezioni)
Possa io raggiungere la Buddità per beneficiare tutti gli esseri senzienti.

“Il Buddha è il nostro maestro”, ha osservato, “ed è grazie alla sua natura di Buddha che è stato in grado di addestrarsi sul sentiero e diventare un essere pienamente risvegliato. Anche noi abbiamo la natura di Buddha e attraverso lo studio e la pratica possiamo superare tutti gli ostacoli per raggiungere l’illuminazione come ha fatto lui. Se coltiviamo costantemente bodhichitta, le nostre vite diventeranno utili, significative e potremo sentirci a nostro agio, e questo è tutto per oggi.”

Il maestro di canto ha guidato una serie di preghiere che includevano il mandala di ringraziamento, una preghiera ai protettori del Dharma, una preghiera per il fiorire del Dharma e la preghiera delle parole di verità.

Dopo essere sceso dal trono, Sua Santità si è avvicinato al bordo del palco e ha guidato una triplice recitazione del verso dalla fine del “Grande trattato sugli stadi al sentiero verso l’illuminazione” di Jé Tsongkhapa:

“Ovunque l’insegnamento del Buddha non si è diffuso
E ovunque si è diffuso ma è diminuito
Posso io, mosso da grande compassione, chiarire chiaramente
Questo tesoro di eccellente beneficio e felicità per tutti.

Questo ha seguito con gli ultimi due versi della Preghiera delle Parole di Verità:

Pertanto, il protettore Chenrezig fece grandi preghiere
Prima dei Buddha e dei Bodhisattva
Abbracciare pienamente il Paese delle Nevi;
Possano ora apparire rapidamente i buoni risultati di queste preghiere.
Per la profonda interdipendenza del vuoto e delle relative forme,

Insieme alla forza di una grande compassione
nei Tre Gioielli e nelle loro Parole di Verità,
E attraverso il potere della legge infallibile delle azioni e dei loro frutti,
Possa questa sincera preghiera essere senza ostacoli e rapidamente esaudita.

Sorridendo e salutando i membri del pubblico, Sua Santità ha continuato a ripetere la strofa finale mentre camminava dal tempio verso la sua residenza.

Sua Santità il Dalai Lama saluta un gruppo di monaci Theravada mentre arriva all’interno del Tempio Tibetano Principale per il suo insegnamento che commemora la nascita e l’illuminazione del Buddha a Dharamsala, HP, India, il 4 giugno 2023. Foto di Tenzin Choejor

Da un’altra testata giornalistica news de www.europeantimes.news

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.