19.1 C
Rome
mercoledì, Aprile 24, 2024
- Pubblicità -
WorldEuropaUso prudente degli antibiotici e più ricerca necessaria per combattere la resistenza...

Uso prudente degli antibiotici e più ricerca necessaria per combattere la resistenza antimicrobica

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

Giovedì il Parlamento ha adottato le sue raccomandazioni per una risposta coordinata dell’UE alle minacce per la salute poste dalla resistenza antimicrobica.

In una risoluzione approvata con 525 voti a favore, 2 contrari e 33 astenuti, i deputati affermano che il successo nella lotta alla resistenza antimicrobica (AMR) richiede l’uso prudente di antibiotici per l’uomo e gli animali, buone misure di prevenzione e controllo delle infezioni e più ricerca e sviluppo in nuovi antimicrobici e alternative agli antimicrobici.

I deputati hanno anche affermato che se le misure raccomandate agli Stati membri si rivelassero insufficienti, sarebbe necessaria un’ulteriore azione legislativa a livello dell’UE.

Misure nazionali per prevenire, monitorare e ridurre la diffusione della resistenza antimicrobica

Il testo invita i paesi dell’UE a mettere in atto, attuare e aggiornare regolarmente (almeno ogni due anni) “Piani d’azione nazionali” contro la resistenza antimicrobica, in via prioritaria per le rispettive salute sistemi.

Per sostenere l’uso prudente degli antimicrobici per la salute umana, i deputati vogliono migliorare la raccolta dei dati, compresi i dati in tempo reale, sia sulla resistenza antimicrobica che sul consumo di antimicrobici. Chiedono inoltre alla Commissione di istituire una banca dati a livello dell’UE.

Affrontare il consumo di antimicrobici

Pur concordando con l’obiettivo proposto dalla Commissione di ridurre del 20% il consumo umano totale di antibiotici nell’UE entro il 2030, i deputati insistono sul fatto che le misure nazionali devono anche garantire che almeno il 70% degli antibiotici consumati appartenga al “gruppo di accesso” come definito nel Classificazione AWaRe dell’OMS (antibiotici efficaci contro un’ampia gamma di agenti patogeni comunemente riscontrati, pur mostrando un potenziale di resistenza inferiore).

Sostegno alla ricerca e alla prevenzione della carenza di medicinali

La risoluzione invita gli Stati membri e la Commissione a sostenere la condivisione dei dati della ricerca e l’innovazione tecnologica per l’individuazione, la prevenzione e il trattamento delle infezioni nell’uomo causate da agenti patogeni resistenti agli antimicrobici. In questo contesto, i deputati affermano che la creazione di a europeo il partenariato dovrebbe coinvolgere tutte le parti interessate (industria, organizzazioni di pazienti, mondo accademico) e dovrebbe essere accessibile alle PMI.

Sottolineano l’importanza di coordinare le iniziative nazionali in materia di produzione, approvvigionamento e stoccaggio, al fine di prevenire carenze di medicinali e migliorare in modo significativo la continuità della fornitura di antimicrobici e altre contromisure antimicrobiche nell’UE.

Prossimi passi

Gli Stati membri dovrebbero adottare la proposta della Commissione per una raccomandazione del Consiglio sulla lotta alla resistenza antimicrobica a metà giugno.

Sfondo

Il 26 aprile 2023 la Commissione ha proposto a Raccomandazione del Consiglio sull’intensificazione delle azioni dell’UE per combattere la resistenza antimicrobica in un approccio “One Health”.come parte di riforma della legislazione farmaceutica dell’UE.

Nel 2019, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha dichiarato l’AMR come uno dei Le 10 principali minacce globali per la salute pubblica di fronte all’umanità. Nel luglio 2022 la Commissione ha identificato la resistenza antimicrobica come una delle tre principali minacce per la salute prioritarie. Ogni anno, i batteri resistenti agli antibiotici causano più di 670.000 infezioni e muoiono circa 33.000 persone come diretta conseguenza nell’UE/SEE.

Con l’adozione di questa risoluzione, il Parlamento risponde alle aspettative dei cittadini di garantire a tutti gli europei l’accesso a un’alimentazione sana e a uno stile di vita sano e di garantire loro parità di accesso alla salute, come espresso nelle proposte 7 (1), 7 (5) e 10( 1) del conclusioni della conferenza sul futuro dell’Europa.

Da un’altra testata giornalistica news de europeantimes.news

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.