19.1 C
Rome
mercoledì, Aprile 24, 2024
- Pubblicità -
breaking news.Gli scienziati studiano i sarcofagi dell'antico Egitto con la tomografia computerizzata

Gli scienziati studiano i sarcofagi dell’antico Egitto con la tomografia computerizzata

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

Una collaborazione tra il museo e la clinica potrebbe costituire un precedente per combinare lo studio dei reperti storici con la tecnologia medica all’avanguardia per comprendere meglio il passato

In un’operazione meticolosamente pianificata che ha richiesto cinque mesi per essere organizzata, due coperchi di sarcofago risalenti a più di 2000 anni fa dall’antico Egitto sono stati portati venerdì dal Museo di Israele a Gerusalemme per essere sottoposti a scansioni TC, ha riferito l’agenzia di stampa israeliana TPS.

Parte della preziosa collezione egizia del museo, questi coperchi di sarcofago in legno di sicomoro sono stati esaminati presso il Centro medico Shaare Zedek di Gerusalemme per rivelare le tecniche utilizzate dagli artigiani per crearli migliaia di anni fa.

Una collaborazione tra il museo e la clinica potrebbe costituire un precedente per combinare lo studio dei reperti storici con la tecnologia medica all’avanguardia per comprendere meglio il passato.

La tomografia computerizzata utilizza più raggi X per creare immagini in sezione trasversale di ossa, organi e vasi sanguigni. Sono comunemente usati per diagnosticare alcuni tipi di cancro, malattie cardiache, coaguli di sangue, fratture ossee, disturbi del tratto intestinale e della colonna vertebrale, tra le altre cose.

“Attraverso la scansione, siamo stati in grado di identificare cavità nel legno che sono state riempite di gesso come parte della preparazione per la decorazione dei sarcofagi, così come aree che sono state interamente fuse in gesso, piuttosto che essere direttamente scolpite nel legno “, afferma Nir Or Lev, curatore del Dipartimento di archeologia egizia presso il Museo di Israele.

“La ricerca ha fatto luce sull’artigianato degli antichi artigiani responsabili della creazione di questi coperchi di sarcofago, contribuendo così notevolmente alla nostra ricerca in corso”, ha affermato.

Il coperchio del primo sarcofago, appartenente a un cantore cerimoniale di nome Lal Amon-Ra, risale al 950 a.C. circa. Sul coperchio sono scritte le parole “Jed-Mot”, che rappresentano il nome del defunto, insieme ad una benedizione. Il coperchio del secondo sarcofago, databile tra il VII e il IV secolo aC, apparteneva un tempo a un nobile egiziano di nome Petah-Hotep.

“Non capita tutti i giorni di assistere alla confluenza di storia gloriosa e progressi tecnologici nel campo della medicina”, afferma Shlomi Hazan, capo radiologo del dipartimento di imaging di Shaare Zedek.

“La scansione ad alta risoluzione ci ha permesso di distinguere diversi materiali, come il legno, il gesso, oltre alle cavità. Inoltre, la scansione della sezione trasversale ha rivelato gli anelli degli alberi e sono state create ricostruzioni tridimensionali per aiutare il team di ricerca ad analizzare la composizione dei diversi materiali, ha detto Hazan.

Foto: antichi sarcofagi egiziani sottoposti a scansioni TC all’ospedale di Gerusalemme per rivelare l’artigianato / The Times of Israel@TimesofIsrael.

Originalmente pubblicato su The European Times.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.