-9.6 C
Rome
domenica, Febbraio 25, 2024
- Pubblicità -
notizieAmbienteGli incendi e le attività agricole possono essere le principali fonti di...

Gli incendi e le attività agricole possono essere le principali fonti di inquinamento atmosferico legate all’aumento del rischio, casi di demenza

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.


Nessuna quantità di inquinamento atmosferico fa bene al cervello, ma gli incendi e le emissioni derivanti dall’agricoltura e dall’allevamento in particolare possono rappresentare minacce particolarmente tossiche per la salute cognitiva, secondo una nuova ricerca dell’Università del Michigan.

Sempre più prove dimostrano che l’esposizione all’inquinamento atmosferico rende il cervello suscettibile alla demenza. E ora i risultati di Boya Zhang e Sara Adar, ricercatori di epidemiologia ambientale presso la School of Public Health di UM, indicano una forte probabilità che l’agricoltura e gli incendi, con il loro rilascio di una serie di emissioni nocive ad alte concentrazioni, debbano essere studiati più da vicino e monitorati per i loro rischi per la salute pubblica, in particolare la demenza.

“Nella nostra ricerca abbiamo visto che tutte le particelle sospese nell’aria aumentano il rischio di demenza, ma quelle generate da ambienti agricoli e incendi sembrano essere particolarmente tossiche per il cervello”, ha detto Adar, presidente associato del Dipartimento di Epidemiologia della School of Public Health. Attualmente conduce diversi ampi studi di coorte sugli impatti delle esposizioni sull’invecchiamento cognitivo e sulla demenza.

“I nostri risultati indicano che l’abbassamento dei livelli di inquinamento atmosferico da particolato, anche in un paese relativamente pulito come gli Stati Uniti, può ridurre il numero di persone che sviluppano la demenza in tarda età”, ha detto Adar.

L’articolo di Adar e Zhang, “Comparison of Particulate Air Pollution From Different Emission Sources and Incident Dementia in the US”, appare oggi nel Giornale di medicina interna dell’American Medical Association.

Zhang, un ricercatore che si concentra sugli effetti dell’inquinamento atmosferico sulle malattie cardiopolmonari e sull’invecchiamento cognitivo, ha dichiarato: “Questo lavoro suggerisce che l’inquinamento atmosferico da particolato proveniente dall’agricoltura e dagli incendi potrebbe essere più neurotossico rispetto ad altre fonti. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi effetti, in particolare per queste due fonti che hanno ricevuto meno attenzione nella ricerca precedente.”

“Dato che lo sviluppo della demenza potrebbe richiedere molto tempo, questo studio mirava principalmente a fornire prove ai responsabili politici per ridurre l’esposizione a queste fonti di emissioni”, ha affermato Zhang.

I risultati arrivano quando la qualità dell’aria insolitamente scadente attiva regolarmente allarmi negli Stati Uniti2.5. È uno degli elementi più preoccupanti dell’inquinamento atmosferico. Con dimensioni inferiori a 2,5 micron, PM2.5 è inferiore alla larghezza di un capello umano. Poiché è così piccolo, può entrare direttamente nel cervello attraverso il naso o attraversare la barriera emato-encefalica in altri modi. PM2.5 è anche noto per influenzare i polmoni, il cuore e, nella ricerca emergente, il cervello e la funzione cognitiva.

“Questi risultati sono abbastanza tempestivi data la crescente frequenza del fumo degli incendi nel nostro

comunità “, ha detto Adar. “I nostri dati suggeriscono che oltre ad alcuni dei più evidenti impatti sulla salute del fumo degli incendi come l’irritazione alla gola e agli occhi insieme a difficoltà respiratorie, i giorni di fumo elevato potrebbero anche mettere a dura prova il nostro cervello”.

Il numero record di allarmi sulla qualità dell’aria negli Stati Uniti quest’anno è dovuto in gran parte al fumo degli incendi che si sono verificati in Canada da maggio. L’effetto degli incendi non è nuovo negli Stati Uniti, soprattutto visti gli incendi nella parte occidentale del paese.

Adar, un epidemiologo ambientale di lunga data, ha affermato che il fumo degli incendi sta diventando un fattore di stress più diffuso con molte città che vivono più di 30 giorni all’anno colpite dal fumo. Dati i livelli estremamente elevati di esposizione al pubblico, si ritiene che gli incendi contribuiscano fino al 25% delle esposizioni di particolato fine in un anno negli Stati Uniti e fino al 50% in alcune regioni occidentali del paese, ha affermato Adar.

“Mentre i singoli incendi possono essere di breve durata, questi eventi stanno diventando più frequenti nelle nostre comunità a causa delle temperature più calde, delle condizioni più secche e delle stagioni degli incendi più lunghe. Come abbiamo visto, il fumo degli incendi può anche percorrere distanze molto lunghe”, ha affermato Adar. .

I loro risultati si basano sulla ricerca sullo sviluppo della demenza tra quasi 30.000 adulti provenienti da tutti gli Stati Uniti per un periodo di 18 anni. I dati provengono dall’Health and Retirement Study, una raccolta rappresentativa a livello nazionale di coorti di anziani che sono stati seguiti dal 1992. Le stime sull’inquinamento nello studio di Adar e Zhang erano basate sugli indirizzi di casa dei partecipanti. I partecipanti sono stati intervistati ogni due anni sulla loro cognizione, salute generale e comportamenti di salute fino alla morte o alla perdita di contatto per il sondaggio.

Hanno osservato che livelli più elevati di inquinamento atmosferico da particolato, in particolare dall’agricoltura e dagli incendi, erano associati a maggiori rischi di demenza. I risultati non possono essere spiegati da altri fattori come l’individuo, il vicinato, lo stato socioeconomico, l’occupazione o la città natale o la regione del paese.

“Con la conoscenza di quali fonti sono più tossiche di altre, potrebbe essere possibile progettare interventi per fonti specifiche come un modo più efficace per ridurre il peso della demenza”, ha detto Zhang.

La demenza è attualmente la settima causa di morte e una delle principali cause di disabilità e dipendenza per le persone anziane, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

La ricerca ha cercato specificamente di verificare l’ipotesi che una variazione nelle fonti di emissione potrebbe spiegare quali sono le più tossiche, ma misurare le emissioni con le loro distinte caratteristiche fisiche e chimiche è impegnativo.

Gli studi precedenti che analizzavano le esposizioni alla fonte specifica di particolato fine significavano che i ricercatori studiavano principalmente le relazioni con la massa totale di particolato fine nell’aria.

“Nel nostro studio, abbiamo utilizzato un sofisticato modello di previsione che include informazioni sulle trasformazioni chimiche e la dispersione dell’inquinamento da diverse fonti per stimare i livelli di inquinamento atmosferico da particolato specifico della fonte negli indirizzi residenziali dei partecipanti”, ha affermato Zhang. “Questo approccio è vantaggioso perché non solo tiene conto dell’inquinamento emesso direttamente da una fonte, ma anche dell’inquinamento generato attraverso reazioni con altre sostanze chimiche nell’aria”.

Poiché il livello medio di esposizione al PM2.5 per le persone studiate era inferiore allo standard nazionale di qualità dell’aria ambiente, questo non è solo un problema di eventi di inquinamento estremo, affermano i ricercatori, anche se è chiaro che la qualità dell’aria da eventi di incendi boschivi sta peggiorando. Questa ricerca suggerisce che non si tratta solo di mandare le persone con disturbi respiratori negli ospedali, ma potrebbero anche esserci effetti più duraturi sul corpo. Con il clima che cambia, è probabile che queste minacce alla salute aumenteranno.

Lo studio è stato finanziato dal National Institute of Environmental Health Sciences e dal National Institute of Aging.



Da un’altra testata giornalistica. news de www.sciencedaily.com

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.