19.1 C
Rome
mercoledì, Aprile 24, 2024
- Pubblicità -
EuropeLa deportazione da parte di Mosca di 20.000 bambini ucraini in Russia,...

La deportazione da parte di Mosca di 20.000 bambini ucraini in Russia, afferma un rapporto depositato presso l’ONU

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

Alla vigilia del 54th Sessione del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, la ONG con sede a Bruxelles Diritti umani senza frontiere ha presentato un rapporto che fa il punto sulla deportazione dei bambini ucraini da parte della Russia dai territori occupati dall’inizio della guerra.

Secondo il commissario consigliere del presidente dell’Ucraina per i diritti e la riabilitazione dei bambini, Daria Gerasymchuk, le autorità ucraine hanno raccolto i dati personali di circa 20.000 casi, anche se secondo dati incontrollabili che circolano sia in Russia che in Ucraina ce ne potrebbero essere dieci volte di più.

Il rapporto Bambini ucraini in cerca di una via di casa dalla Russia rivela che solo 386 bambini hanno trovato la strada per tornare a casa. Non potevano essere restituiti attraverso negoziati con la parte russa, ma ogni volta ciò poteva essere ottenuto solo attraverso una specifica operazione di salvataggio.

Il 17 marzo 2023, la Camera preliminare della Corte penale internazionale dell’Aia emesso mandati di arresto al presidente russo Vladimir Putin e alla commissaria russa per i diritti dell’infanzia Maria Lvova-Belova per deportazione illegale di bambini. Nel frattempo, alcuni di loro sono stati adottati illegalmente da famiglie russe.

“Oggi non esiste una struttura internazionale che possa offrire un meccanismo efficace per il ritorno dei nostri bambini deportati”, ha detto Gerasymchuk in un intervista esclusiva con Interfax-Ucraina.

A luglio è scoppiata una controversia tra Kiev e il Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) quando il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha affermato che bambini ucraini erano in Bielorussia e il rappresentante bielorusso della Croce Rossa, Dmitry Shevtsov, è stato visto in mimetica con un gallone degli occupanti con la lettera Z.

Ucraina collabora responsabilmente con il Rappresentante Speciale delle Nazioni Unite Segretario generale per i bambini e i conflitti armati (CAAC) al fine di fermare e prevenire le violazioni contro i bambini durante il conflitto, e invita le Nazioni Unite a chiedere in modo fondamentale e persistente alla Federazione Russa la cooperazione con il meccanismo CAAC, l’accesso temporaneo a tutti territori occupati dell’Ucrainanonché al suo territorio, poiché il mandato della CAAC comprende i reati di sottrazione di minori.

In Ucraina sono state istituite diverse strutture di cooperazione tra i ministeri competenti, l’ONU e l’UNICEF.

Nelle sue raccomandazioni, Diritti umani senza frontiere sollecita

  • La Russia dovrà garantire che non vengano apportate modifiche allo status personale dei bambini ucraini, inclusa la loro cittadinanza;
  • tutte le parti continuino a garantire che gli interessi superiori di tutti i minori siano rispettati, anche facilitando la ricerca delle famiglie e il ricongiungimento dei minori non accompagnati e/o separati che si trovano fuori dai confini o dalle linee di controllo senza le loro famiglie o tutori;
  • le parti in conflitto a garantire alle autorità di protezione dell’infanzia l’accesso a questi bambini per facilitare il ricongiungimento familiare;
  • il Rappresentante Speciale delle Nazioni Unite su “Bambini e Conflitti Armati”, insieme ad altre agenzie e partner delle Nazioni Unite, a considerare le modalità per facilitare tali processi.

Il rapporto completo in tre lingue (inglese, ucraino e russo) è disponibile sul sito web di Diritti umani senza frontiere: https://hrwf.eu/российские-новости/

Per ulteriori informazioni o interviste in inglese, ucraino o russo, contattare [email protected]

Originalmente pubblicato su The European Times.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.