-9.6 C
Rome
domenica, Febbraio 25, 2024
- Pubblicità -
EuropeI mezzi mobili che circolano sulle strade pubbliche devono soddisfare gli standard...

I mezzi mobili che circolano sulle strade pubbliche devono soddisfare gli standard di sicurezza stradale, concordano i deputati

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

La commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori ha approvato il progetto di posizione negoziale del Parlamento su un nuovo regolamento che migliora la sicurezza stradale delle attrezzature di lavoro mobili.

Automobili, camion e autobus non sono gli unici mezzi che circolano sulle strade pubbliche. Occasionalmente, anche le attrezzature da lavoro, come le macchine edili o agricole, devono utilizzare le nostre strade per spostarsi da un cantiere all’altro. Ciò può tuttavia causare situazioni di traffico pericolose, perché al buio le macchine da lavoro potrebbero non essere sufficientemente illuminate o il campo visivo del conducente può essere limitato.

Finora spettava agli Stati membri stabilire le norme di sicurezza stradale per tali macchine. Ma nel marzo 2023, la Commissione europea ha proposto nuove regole per affrontare i rischi per la sicurezza stradale e la frammentazione del mercato a livello dell’UE. E oggi la commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori ha adottato il progetto di mandato negoziale del Parlamento su questa proposta.

Procedura di certificazione UE

La Commissione vuole stabilire una serie di requisiti di sicurezza stradale che coprano ad esempio i freni, lo sterzo, il campo visivo, l’illuminazione, le dimensioni e molti altri elementi. I produttori dovrebbero rispettare questi requisiti e sottoporre le loro macchine a test di sicurezza stradale e controlli di conformità prima di immetterle sul mercato dell’UE. Se una macchina supera i test, le verrà rilasciato un certificato che consentirà la vendita della stessa tipologia di macchinario in tutta l’Unione Europea. Successivamente, i processi produttivi del produttore verrebbero regolarmente controllati per garantire che le nuove macchine rimangano conformi alle norme.

Scopo

Secondo la proposta iniziale, il regolamento riguarderebbe le attrezzature da lavoro con un massimo di tre posti (compreso quello del conducente) e una velocità massima di progetto inferiore a 40 km/h. Non sarebbero coperti i trattori, i quadricicli, i rimorchi o i macchinari destinati principalmente al trasporto di persone o animali. Sarebbero esclusi dal campo di applicazione anche i macchinari che circolerebbero solo nel territorio di uno Stato membro o che sarebbero prodotti solo in piccole serie.

I deputati hanno inoltre specificato che il regolamento dovrebbe coprire solo i macchinari nuovi fabbricati da un produttore dell’UE o macchinari nuovi o usati importati da un paese terzo. Inoltre, i deputati vogliono includere le attrezzature trainate e tralasciare i prototipi testati sul campo.

Scambio di informazioni e periodo di transizione

La proposta prevede meccanismi di cooperazione e scambio di informazioni tra gli Stati membri in modo che tutti i paesi siano immediatamente informati di eventuali problemi con un determinato pezzo di attrezzatura e di qualsiasi nuovo macchinario autorizzato a circolare sulle strade pubbliche europee.

È importante sottolineare che il regolamento fisserebbe anche un periodo transitorio di 8 anni durante il quale i produttori potrebbero scegliere se desiderano richiedere il certificato UE o continuare a rispettare solo le leggi nazionali pertinenti.

Citazione

Dopo il voto, il relatore del Parlamento per il dossier, Tom Vandenkendelaere (PPE, BE), ha dichiarato: “Oggi abbiamo compiuto il primo passo verso il completamento del mercato unico europeo per le macchine mobili non stradali. Questa proposta consente ai produttori di avere macchine come macchine edili, mietitrici e falciatrici urbane omologate in uno Stato membro, ottenendo così l’accesso all’intero mercato unico. Rispetto ai 27 regimi di approvazione separati di oggi, otteniamo risultati nei confronti dei produttori dell’UE riducendo l’amministrazione e tutti i costi correlati. Il risultato è questo eccellente equilibrio tra lo snellimento delle procedure e il rispetto dei più severi requisiti di sicurezza per queste macchine in tutta l’Unione.“

Prossimi passi

La relazione è stata adottata dalla commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori con 38 voti favorevoli, 2 contrari e 0 astensioni. La commissione ha inoltre deciso di avviare negoziati interistituzionali sulla base di tale relazione (37 voti favorevoli, 0 contrari e 2 astensioni). Questa decisione dovrà ora essere annunciata nella prossima plenaria e, se non verrà contestata, il Parlamento sarà pronto ad avviare i negoziati con il Consiglio sulla forma definitiva e sulla formulazione del regolamento.

Originalmente pubblicato su The European Times.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.