-6.3 C
Rome
mercoledì, Febbraio 21, 2024
- Pubblicità -
Scienze & AmbienteAlla radice delle piante ingrossate

Alla radice delle piante ingrossate

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.


Gli scienziati dell’Oak Ridge National Laboratory hanno identificato un gene “hotspot” nel pioppo che ne provoca un aumento drammatico radice crescita. La scoperta supporta lo sviluppo di migliori colture bioenergetiche e di altre piante che possono prosperare in condizioni difficili immagazzinando più carbonio nel sottosuolo.

Due piante di pioppo ibride, al centro e a destra, ingegnerizzate con il gene hub PtrXB38 hanno mostrato un drastico aumento nella formazione di radici e calli rispetto a una pianta di controllo di tipo selvatico, a sinistra.

Due piante di pioppo ibride, al centro e a destra, ingegnerizzate con il gene hub PtrXB38 hanno mostrato un drastico aumento nella formazione di radici e calli rispetto a una pianta di controllo di tipo selvatico, a sinistra. Credito: Tao Yao/ORNL, Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti

La squadra ha utilizzato a vasto set di dati sui pioppi per identificare i geni regolatori che possono innescare centinaia di altre espressioni genetiche nell’albero. Hanno confermato la funzione molecolare di un gene hub, PtrXB38e ha scoperto che le piante con il gene ha prodotto radici prolifiche e più profonde. Il gene ha persino stimolato la crescita delle radici aeree su steli e foglie.

“Con più radici, queste piante assorbono più nutrienti, crescono più grandi, sono più tolleranti alla siccità e possono assorbire più carbonio nel sottosuolo per lo stoccaggio a lungo termine”, ha affermato Wellington Muchero dell’ORNL. Le radici aeree possono anche rendere la pianta più tollerante alle inondazioni.

“Questo gene naturale ha implicazioni per la produzione di biomassa, la produzione alimentare e la mitigazione dei cambiamenti climatici”.

Fonte: Laboratorio nazionale di Oak Ridge



Da un’altra testata giornalistica. news de www.technology.org

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.