-9.6 C
Rome
domenica, Febbraio 25, 2024
- Pubblicità -
Scienze & AmbienteDisco attorno alla stella osservato per la prima volta in un'altra galassia

Disco attorno alla stella osservato per la prima volta in un’altra galassia

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.


Gli astronomi hanno scoperto la prova di un disco rotante di materiale che circonda a giovane stella massiccia in una galassia vicina per la prima volta.

Questo mosaico mostra, al centro, un'immagine reale del giovane sistema stellare HH 1177, nella Grande Nube di Magellano, una galassia vicina alla Via Lattea.  L'immagine è stata ottenuta con il Multi Unit Spectroscopic Explorer sul Very Large Telescope dell'ESO e mostra i getti lanciati dalla stella.  I ricercatori hanno poi utilizzato l’Atacama Large Millimeter/submillimeter Array, di cui l’ESO è partner, per trovare prove dell’esistenza di un disco che circonda la giovane stella.  Sul pannello di destra è mostrata un'impressione artistica del sistema, che mostra sia i getti che il disco.

Questo mosaico mostra, al centro, un’immagine reale del giovane sistema stellare HH 1177, nella Grande Nube di Magellano, una galassia vicina alla Via Lattea. L’immagine è stata ottenuta con il Multi Unit Spectroscopic Explorer sul Very Large Telescope dell’ESO e mostra i getti lanciati dalla stella. I ricercatori hanno poi utilizzato l’Atacama Large Millimeter/submillimeter Array, di cui l’ESO è partner, per trovare prove dell’esistenza di un disco che circonda la giovane stella. Sul pannello di destra è mostrata un’impressione artistica del sistema, che mostra sia i getti che il disco.
(ESO/A. McLeod et al./M. Kornmesser)

Megan Reiterassistente professore di fisica e astronomia alla Rice University, faceva parte del team di ricercatori che annunciò la scoperta nel uno studio pubblicato su Natura.

“Questa è una prova evidente di ciò massa elevata le stelle, che sono molte volte più grandi del Sole, si formano allo stesso modo delle stelle di massa inferiore”, ha detto Reiter. “Questa è stata una grande domanda per molto tempo.”

Situato in una galassia vicina alla Via Lattea chiamata Grande Nube di Magellanola stella dello sport su disco è stata scoperta per la prima volta grazie a un getto protostellare ⎯ una caratteristica distintiva della formazione delle stelle.

“Quando si forma una stella, la nube di materia circostante collassa, formando un disco”, ha detto Reiter.

Megan Reiter è un assistente professore di fisica e astronomia alla Rice University.

Megan Reiter è un assistente professore di fisica e astronomia alla Rice University. Credito immagine: Brandon Martin/Rice University

“Il disco alimenta la materia della stella, che ne getterà via circa l’1-10% in questi grandi getti bipolari. Questi getti possono essere piuttosto grandi, quindi sono facili da individuare. Poiché vengono espulsi come parte di questo processo di accrescimento, i getti rappresentano anche un po’ un documento storico che può dirci qualcosa su come la stella si sta mettendo insieme”.

Il jet è stato avvistato per la prima volta utilizzando il Esploratore spettroscopico multiunità strumento sul Osservatorio Europeo Australe‘S Telescopio molto grande.

“Dopo aver visto il getto, la cosa naturale da dire è, beh, questi getti devono provenire da un disco ⎯ ci deve essere un disco attorno a quella stella”, ha detto Reiter.

Per testare questa ipotesi, il team ha utilizzato l’Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA) in Cile per raccogliere dati sulla stella nascente e sui suoi dintorni.

Rappresentazione artistica del disco e del getto nel giovane sistema stellare HH 1177

Questa rappresentazione artistica mostra il sistema HH 1177, situato nella Grande Nube di Magellano, una galassia vicina alla nostra. Il giovane e massiccio oggetto stellare che brilla al centro raccoglie la materia da un disco polveroso mentre la espelle con potenti getti. Utilizzando l’Atacama Large Millimeter/submillimeter Array, di cui l’ESO è partner, un team di astronomi ha trovato prove della presenza di questo disco osservandone la rotazione. Questa è la prima volta che un disco attorno a una giovane stella – identico a quelli che formano i pianeti nella nostra galassia – viene scoperto in un’altra galassia. Credito immagine: ESO/M. Kornmesser

“Cercare di individuare un disco attorno a una stella di massa elevata è impegnativo, anche perché è un fenomeno di durata relativamente breve”, ha detto Reiter, spiegando che una stella di piccola massa come il Sole ⎯ con una durata di vita di circa 10 miliardi di anni ⎯ durante la sua formazione avrebbe un disco solo per 3-10 milioni di anni.

Inoltre, almeno nella Via Lattea, la polvere stellare che vortica attorno alle stelle di massa elevata tende a nascondere alla vista l’ambiente circostante, rendendo difficile osservare la formazione di un disco. Per fortuna, la visibilità è molto migliore nella Grande Nube di Magellano, dove la materia di formazione stellare è diversa.

Con le capacità combinate del Very Large Telescope (VLT) dell'ESO e dell'Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA), di cui l'ESO è partner, è stato osservato un disco attorno a una giovane stella massiccia in un'altra galassia.  Le osservazioni del Multi Unit Spectroscopic Explorer sul VLT, a sinistra, mostrano la nuvola madre LHA 120-N 180B in cui questo sistema, soprannominato HH 1177, è stato osservato per la prima volta.  L'immagine al centro mostra i getti che lo accompagnano.  La parte superiore del getto è puntata leggermente verso di noi e quindi spostata verso il blu;  quello inferiore si sta allontanando da noi e quindi si è spostato verso il rosso.  Le osservazioni di ALMA, a destra, hanno poi rivelato il disco rotante attorno alla stella, in modo simile con i lati che si muovono verso e lontano da noi.

Con le capacità combinate del Very Large Telescope (VLT) dell’ESO e dell’Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA), di cui l’ESO è partner, è stato osservato un disco attorno a una giovane stella massiccia in un’altra galassia. Le osservazioni del Multi Unit Spectroscopic Explorer sul VLT, a sinistra, mostrano la nuvola madre LHA 120-N 180B in cui questo sistema, soprannominato HH 1177, è stato osservato per la prima volta. L’immagine al centro mostra i getti che lo accompagnano. La parte superiore del getto è puntata leggermente verso di noi e quindi spostata verso il blu; quello inferiore si sta allontanando da noi e quindi si è spostato verso il rosso. Le osservazioni di ALMA, a destra, hanno poi rivelato il disco rotante attorno alla stella, in modo simile con i lati che si muovono verso e lontano da noi. [ESO/ALMA (ESO/NAOJ/NRAO)/A. McLeod et al.]

“È senza dubbio più emozionante scoprire un disco in questa galassia vicina rispetto alla nostra, perché le condizioni sono più vicine a come pensiamo che le cose fossero prima nell’universo”, ha detto Reiter. “È come se avessimo una finestra su come le stelle si sono formate in precedenza nell’evoluzione dell’universo.”

Anna McLeod, professoressa associata alla Durham University nel Regno Unito e autrice principale dello studio, ha affermato che dopo aver visto le prove di una struttura rotante nei dati ALMA, lei e il suo team difficilmente potevano credere di aver rilevato il primo disco di accrescimento extragalattico.

Questa abbagliante regione di stelle di nuova formazione nella Grande Nube di Magellano (LMC) è stata catturata dallo strumento MUSE (Multi Unit Spectroscopic Explorer) montato sul Very Large Telescope dell'ESO.  La quantità relativamente piccola di polvere nella LMC e la visione acuta del MUSE hanno consentito di individuare dettagli complessi della regione alla luce visibile.

Questa abbagliante regione di stelle di nuova formazione nella Grande Nube di Magellano (LMC) è stata catturata dallo strumento MUSE (Multi Unit Spectroscopic Explorer) montato sul Very Large Telescope dell’ESO. La quantità relativamente piccola di polvere nella LMC e la visione acuta del MUSE hanno consentito di individuare dettagli complessi della regione alla luce visibile. (ESO, A McLeod et al.)

“È stato un momento speciale”, ha detto McLeod. “Sappiamo che i dischi sono vitali per la formazione di stelle e pianeti nella nostra galassia, e qui per la prima volta ne vediamo la prova diretta in un’altra galassia.”

Fonte: Università del Riso



Da un’altra testata giornalistica. news de www.technology.org

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.