-6.1 C
Rome
domenica, Febbraio 25, 2024
- Pubblicità -
notiziediritti umaniGaza: il capo dei diritti delle Nazioni Unite lancia un appello per...

Gaza: il capo dei diritti delle Nazioni Unite lancia un appello per la fine delle violenze e il ritorno al dialogo

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.



“Silenzio alle armi e ritorno al dialogo: la sofferenza inflitta ai civili è troppo da sopportare. Più violenza non è la risposta. Non porterà né pace né sicurezza”, ha affermato Volker Türk una dichiarazioneesprimendo profonda preoccupazione per il fatto che i negoziati per il proseguimento della pausa della scorsa settimana si sarebbero arenati.

I combattimenti sono ripresi venerdì e centinaia di palestinesi sono stati uccisi dai bombardamenti israeliani, ha detto, citando il Ministero della Sanità di Gaza.

Venerdì nessun aiuto è entrato nell’enclave attraverso il valico di Rafah con l’Egitto, e la consegna sabato è stata limitata, con un ulteriore impatto sulle operazioni umanitarie a sostegno di milioni di persone in un contesto di scarsità di cibo, acqua, carburante e altri beni di prima necessità.

Nessun posto sicuro

Türk temeva che le rinnovate e intensificate ostilità avrebbero portato a ulteriori morti, malattie e distruzioni.

“Come risultato della condotta delle ostilità da parte di Israele e dei suoi ordini alle persone di lasciare il nord e parti del sud, centinaia di migliaia di persone vengono confinate in aree sempre più piccole nel sud di Gaza, senza servizi igienici adeguati, accesso a cibo, acqua e forniture sanitarie sufficienti. , anche se le bombe piovono intorno a loro”, ha detto, aggiungendo “non esiste un posto sicuro a Gaza”.

Ha sottolineato che il diritto internazionale e il diritto dei diritti umani sostengono la protezione dei civili e la facilitazione del libero accesso umanitario alle persone bisognose.

Preoccupazione per il nord di Gaza

Il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite ha anche sottolineato come centinaia di migliaia di persone rimaste nel nord di Gaza corrano un rinnovato rischio di bombardamenti e continuino a essere private di cibo e altri beni di prima necessità.

Ha detto che questa situazione spaventosa e gli ordini di spostarsi a sud significano che le persone sono essenzialmente costrette a spostarsi in quello che sembra essere un tentativo di svuotare il nord di Gaza dai palestinesi.

“Il mondo è stato testimone, settimana dopo settimana, di orrore dall’inizio di quest’ultima crisi, caratterizzato da gravissime preoccupazioni circa l’uccisione intenzionale di civili, il lancio di razzi indiscriminati, attacchi indiscriminati con armi esplosive con effetti ad ampio raggio in aree popolate, forme di violenza collettiva punizioni, ostruzione agli aiuti umanitari e presa di ostaggi – tutte cose vietate dal diritto internazionale”, ha affermato.

Ha aggiunto che le accuse estremamente gravi di molteplici e gravi violazioni del diritto internazionale devono essere indagate a fondo e i responsabili devono rispondere delle proprie responsabilità. Nei casi in cui le autorità nazionali si dimostrano riluttanti o incapaci di svolgere tali indagini e azioni penali, è necessaria un’indagine internazionale.

Cambia rotta adesso

Ha esortato gli Stati membri a fare tutto ciò che è in loro potere per garantire che tutte le parti rispettino i loro obblighi ai sensi del diritto internazionale e prevenire la commissione di crimini internazionali.

“Il momento di cambiare rotta è adesso. Coloro che scelgono di farsi beffe del diritto internazionale sono consapevoli che le responsabilità saranno assolte. Nessuno è al di sopra della legge”, ha detto.

L’OMS chiede il cessate il fuoco

Il capo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (CHI) ha anche chiesto un cessate il fuoco a Gaza in un post sui social media sabato.

Il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha affermato che le notizie sulle ostilità in corso e sui bombardamenti sono “pietrificanti”.

Ha detto che un team dell’OMS ha visitato venerdì l’ospedale medico Nassar, nel sud di Gaza, dove innumerevoli persone avevano cercato rifugio e i pazienti ricevevano cure sul pavimento.

“Queste condizioni sono più che inadeguate, inimmaginabili per la fornitura di assistenza sanitaria”, ha scritto su X, ex Twitter. “Non riesco a trovare parole abbastanza forti per esprimere la nostra preoccupazione per ciò a cui stiamo assistendo. Cessate il fuoco. ORA.”



Da un’altra testata giornalistica. news de news.un.org

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.