-6.3 C
Rome
mercoledì, Febbraio 21, 2024
- Pubblicità -
Editor's choiceGiornata dei diritti umani, non dimenticare le migliaia di bambini ucraini rapiti...

Giornata dei diritti umani, non dimenticare le migliaia di bambini ucraini rapiti e deportati dalla Russia

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

In occasione della Giornata dei diritti umani delle Nazioni Unite, il 10 dicembre, migliaia di bambini ucraini rapiti e deportati dalla Russia, i cui genitori stanno disperatamente cercando un modo per riportarli a casa, non dovrebbero essere dimenticati dalla comunità internazionale, ha affermato la ONG Human Rights Without con sede a Bruxelles. Frontiere, in un comunicato stampa diffuso oggi.

Il 6 dicembre, il presidente Zelenskyj ha annunciato nel suo discorso quotidiano che 6 bambini deportati in Russia dai territori occupati dell’Ucraina erano stati rilasciati con la mediazione del Qatar.

Complessivamente, secondo i dati, meno di 400 minori ucraini sono stati salvati in varie operazioni speciali separate e progettate individualmente. La piattaforma “Figli della Guerra” creato per conto dell’Ufficio del Presidente dell’Ucraina da varie istituzioni ufficiali ucraine.

La stessa piattaforma ha pubblicato le foto, i nomi e le date di nascita con il luogo della scomparsa 19.546 bambini deportati e il loro numero continua a crescere.

Statistiche: 20.000? 300.000? 700.000?

È impossibile stabilire il numero esatto dei bambini deportati, data l’attuale aggressione su vasta scala, il difficile accesso ai territori temporaneamente occupati e l’incapacità della parte russa di fornire informazioni affidabili al riguardo.

Daria Herasymchuk, Consigliere del Presidente dell’Ucraina per i diritti e la riabilitazione dei bambiniAppunti fino al quale il paese aggressore, la Russia, avrebbe potuto deportare illegalmente 300.000 bambini provenienti dall’Ucraina durante la guerra.

A partire da giugno 2023, la sede di coordinamento interdipartimentale della Federazione Russa per la risposta umanitaria ha indicato nella sua dichiarazione che dal 24 febbraio 2022, 307.423 i bambini sono stati portati dall’Ucraina al territorio della Russia.

Lo ha affermato la commissaria russa per i diritti dell’infanzia Maria Lvova-Belova disse che il numero di questi bambini ucraini è più di 700.000.

La Russia definisce cinicamente il trasferimento illegale di bambini ucraini una “evacuazione”, ma la commissione d’inchiesta delle Nazioni Unite ha concluso che nessuno dei casi esaminati era giustificato da motivi di sicurezza o di salute, né soddisfaceva i requisiti del diritto umanitario internazionale”.

Le autorità russe stanno creando ostacoli per impedire ai bambini ucraini di ricongiungersi alle loro famiglie.

Nel suo rapporto sulla questione, l’OSCE Appunti che le autorità russe hanno iniziato a lavorare sul “trasferimento” dei bambini ucraini per l’adozione o la cura da parte di famiglie russe dal 2014, dopo l’occupazione della Crimea.

Secondo il programma russo “Il treno della speranza“, chiunque da qualsiasi parte del paese poteva adottare bambini ucraini provenienti dalla Crimea, ai quali veniva poi concessa la cittadinanza russa.

Alla fine di settembre 2022, il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un decreto sull’“adesione” alla Federazione Russa delle regioni parzialmente occupate di Zaporizhzhia, Kherson, Donetsk e della regione occupata di Luhansk in Ucraina. Successivamente anche i bambini provenienti da queste regioni recentemente occupate iniziarono ad essere registrati come cittadini della Federazione Russa e adottati con la forza.

Il 17 marzo 2023 il Corte Penale Internazionale ha emesso un mandato d’arresto nei confronti del presidente russo Vladimir Putin e del commissario presidenziale russo per i diritti dell’infanzia Maria Lvova-Belova per il crimine di guerra di deportazione illegale di popolazione e trasferimento illegale di popolazione dalle aree occupate dell’Ucraina alla Federazione Russa, in danno dei bambini ucraini.

Raccomandazioni

Diritti Umani Senza Frontiere sostiene le raccomandazioni del Segretario Generale delle Nazioni Unite, che sollecita

  • La Russia dovrà garantire che non vengano apportate modifiche allo status personale dei bambini ucraini, inclusa la loro cittadinanza;
  • tutte le parti continuino a garantire che gli interessi superiori di tutti i minori siano rispettati, anche facilitando la ricerca delle famiglie e il ricongiungimento dei minori non accompagnati e/o separati che si trovano fuori dai confini o dalle linee di controllo senza le loro famiglie o tutori;
  • le parti in conflitto a garantire alle autorità di protezione dell’infanzia l’accesso a questi bambini per facilitare il ricongiungimento familiare;
  • il suo Rappresentante Speciale su “Bambini e Conflitti Armati”, insieme alle agenzie e ai partner delle Nazioni Unite, per considerare le modalità per facilitare tali processi.

Diritti Umani Senza Frontiere, Avenue d’Auderghem 61/, B – 1040 Bruxelles

Sito web: https://hrwf.eu – E-mail: international.secretariat.brussels@hrwf.org

Da un’altra testata giornalistica news de europeantimes.news

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.