-6.3 C
Rome
mercoledì, Febbraio 21, 2024
- Pubblicità -
EuropeI deputati vogliono un'etichettatura accurata della colazione

I deputati vogliono un’etichettatura accurata della colazione

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

La revisione mira a un’etichettatura di origine più accurata per aiutare i consumatori a fare una scelta informata su una serie di prodotti agroalimentari.

Mercoledì il comitato per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare ha adottato la sua posizione sulla revisione del Unione Europea norme di marketing per le cosiddette direttive “colazione” per aggiornare i requisiti e le definizioni dei prodotti con 73 voti a favore, 2 contrari e 10 astensioni.

Etichettatura chiara dell’origine geografica del miele

Poiché i consumatori hanno mostrato un particolare interesse per l’origine geografica del miele, i deputati concordano sul fatto che il paese in cui è stato raccolto il miele deve apparire sull’etichetta nello stesso campo visivo dell’indicazione del prodotto. Se il miele proviene da più paesi, i paesi devono essere indicati in etichetta in ordine decrescente in proporzione e se più del 75% del miele proviene da paesi extra UE, questa informazione deve essere indicata chiaramente anche sull’etichetta frontale. Per limitare ulteriormente le frodi sul miele, compreso l’uso di sciroppi di zucchero nel miele che è molto difficile da individuare, i deputati vogliono anche istituire un sistema di tracciabilità lungo la catena di approvvigionamento per poter risalire all’origine del miele. Gli apicoltori nell’UE con meno di 150 alveari sarebbero esentati.

Succhi di frutta e marmellate

I deputati concordano sul fatto che l’etichetta “contiene solo zuccheri naturali” dovrebbe essere consentita per i succhi di frutta. Per soddisfare la crescente domanda di prodotti a basso contenuto di zucchero, i succhi di frutta riformulati possono essere etichettati come “succhi di frutta a ridotto contenuto di zucchero”.

I deputati sottolineano che le nuove tecniche che rimuovono gli zuccheri presenti naturalmente nei succhi di frutta, nelle marmellate, nelle gelatine o nel latte non dovrebbero portare all’uso di dolcificanti per compensare l’effetto della riduzione dello zucchero sul gusto, sulla consistenza e sulla qualità del prodotto finale. Sottolineano inoltre che sull’etichetta dei succhi di frutta a ridotto contenuto di zucchero non devono essere riportate indicazioni relative a proprietà positive, come i benefici per la salute.

Per i succhi di frutta, le confetture, le gelatine, le marmellate e la purea di castagne zuccherate, i deputati vogliono che sull’etichetta sia indicato anche il paese d’origine della frutta utilizzata per produrre il succo. Se la frutta utilizzata proviene da più paesi, i paesi di origine devono essere indicati in etichetta in ordine decrescente in base alla loro proporzione.

Per quanto riguarda le marmellate, i deputati sono d’accordo con la proposta di aumentare il contenuto minimo di frutta, riducendo lo zucchero aggiunto richiesto per alcuni prodotti, e di consentire l’uso del termine “marmellata” per tutte le marmellate (in precedenza questo termine era consentito solo per le marmellate di agrumi).

Citazione

Relatore Alexander Bernhuber (PPE, Austria) ha dichiarato: “Oggi è un buon giorno per un’etichettatura di origine più trasparente. Oltre a criteri e controlli di qualità più rigorosi, l’indicazione più precisa dei paesi di origine garantirà maggiore trasparenza e renderà più facile per i consumatori scegliere prodotti più sani e regionali. Per il miele, l’obbligo di indicare i paesi di origine sull’etichetta preverrà l’adulterazione e faciliterà le scelte informate dei consumatori”.

Prossimi passi

Il Parlamento dovrebbe adottare il suo mandato durante la sessione plenaria dell’11-14 dicembre 2023, dopodiché sarà pronto ad avviare i negoziati con gli Stati membri dell’UE.

Sfondo

La revisione delle norme di commercializzazione dell’UE per alcune direttive sulla “colazione” è stata proposta dalla Commissione europea il 21 aprile 2023 per aggiornare gli standard attuali che hanno più di 20 anni.

Originalmente pubblicato su The European Times.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.