-6.3 C
Rome
mercoledì, Febbraio 21, 2024
- Pubblicità -
notiziediritti umaniNotizie dal mondo in breve: quasi un milione di bambini sfollati a...

Notizie dal mondo in breve: quasi un milione di bambini sfollati a Gaza, preoccupazioni per un “colpo di stato” in Guatemala, “minaccia persistente” di genocidio

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.



Donne e bambini stanno sopportando il peso maggiore in termini di morti e feriti mentre le truppe israeliane combattono i militanti palestinesi in tutta l’enclave, senza un posto sicuro dove andare, e la distribuzione degli aiuti ostacolata dalla guerra, dall’accesso insufficiente e dai rifornimenti insufficienti che attraversano la Striscia.

Adele Khodr, UNICEF Direttore Regionale per il Medio Oriente e il Nord Africa, detto in a dichiarazione di sabato secondo cui Gaza era “il posto più pericoloso al mondo per essere un bambino… Interi quartieri, dove i bambini giocavano e andavano a scuola, sono stati trasformati in cumuli di macerie, senza vita al loro interno”.

Il personale dell’agenzia delle Nazioni Unite per l’infanzia riferisce che quasi un milione di bambini sono stati sfollati con la forza da quando il ciclo di violenza è iniziato il 7 ottobre.

“Ora lo stanno facendo spinti sempre più a sud, in aree minuscole e sovraffollate, senza acqua, cibo o protezioneesponendoli a un rischio maggiore di infezioni respiratorie e malattie trasmesse dall’acqua”, ha avvertito la signora Khodr.

“Le restrizioni e le sfide poste alla consegna di aiuti salvavita all’interno e attraverso la Striscia di Gaza lo sono un’altra condanna a morte per i bambini”, ha aggiunto.

Ha detto che l’intero sistema umanitario sta cedendo, in particolare sotto l’estrema tensione causata dalle misure imposte da Israele mentre la sua offensiva continua.

“Un cessate il fuoco umanitario immediato e duraturo è l’unico modo per porre fine all’uccisione e al ferimento di bambini”, ha affermato.

Venerdì gli Stati Uniti ha posto il veto su una risoluzione del Consiglio di Sicurezza chiedendo un cessate il fuoco, sostenendo che porre fine ai combattimenti adesso non farebbe altro che lasciare Hamas in piedi, il che è “una ricetta per il disastro”, secondo l’ambasciatore americano Robert Wood.

Guatemala: il capo delle Nazioni Unite è “allarmato” per il tentativo della Procura di annullare il risultato delle elezioni generali

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite detto in un comunicato venerdì sera ha dichiarato di essere allarmato per il tentativo della procura generale del Guatemala di annullare il risultato delle elezioni generali e impedire al presidente eletto Bernardo Aravelo di entrare in carica a gennaio.

Nella dichiarazione rilasciata dal suo portavoce, il capo dell’ONU António Guterres ha sottolineato che il massimo tribunale elettorale ha certificato la vittoria schiacciante di Aravelo alle urne alla fine di agosto.

Secondo alcune notizie, il suo partito di centrosinistra, il Movimento Seed, ha dovuto affrontare diverse indagini da parte dei pubblici ministeri che hanno denunciato irregolarità nella registrazione del partito e nelle votazioni.

Secondo quanto riferito, Aravelo ha definito le indagini della procura un “tentato colpo di stato”, progettato per impedire il suo insediamento il 14 gennaio. La massima corte elettorale ha affermato che i risultati devono essere validi, e il governo uscente avrebbe rilasciato una dichiarazione nella tarda serata di venerdì affermando che il passaggio del potere a Aravelo era inevitabile.

“Il Segretario generale rinnova il suo appello al rispetto della volontà degli elettori guatemaltechi e ad una transizione graduale del potere a gennaio”, ha affermato il portavoce dell’ONU Stéphane Dujarric.

“Il Segretario Generale confida che i risultati delle elezioni certificati dal Tribunale Elettorale Supremo saranno rispettati”.

“Estremamente inquietante”

A sostegno di questa opinione, il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite Volker Türk ha detto la mossa venerdì l’ufficio del procuratore generale ha chiesto di annullare il trasferimento dei poteri è stato “estremamente inquietante”.

Ha sottolineato che le vessazioni giudiziarie e le intimidazioni contro i funzionari elettorali e i funzionari eletti sono inaccettabili.

“È incoraggiante che, nonostante il lungo elenco di azioni giudiziarie e politiche intraprese da alcune autorità, che chiaramente minano l’integrità del processo elettorale e violano lo stato di diritto e la democrazia, le persone abbiano difeso i propri diritti e si siano opposte ciò che percepiscono come un furto della loro volontà politica”, ha aggiunto l’Alto Commissario.

La minaccia di genocidio “una minaccia duratura”: Guterres

Nel suo messaggio di sabato segnando il giornata internazionale per le vittime del genocidio, ONU Il segretario generale António Guterres ha affermato che è necessaria una nuova spinta globale per garantire che “mai più” qualcuno debba vivere questo orrore.

“Purtroppo corriamo il rischio di dimenticare le oscure lezioni del passato. Nel mondo odierno caratterizzato da profonde divisioni, sfiducia e conflitti, ci troviamo di fronte alla minaccia persistente di questo crimine atroce”, ha affermato.

Ha affermato che è essenziale che la Convenzione sul genocidio, che ha codificato il crimine per la prima volta oggi, 75 anni fa, quando l’Assemblea Generale l’ha adottata, “rimanga una forza viva nel nostro mondo, chiamandoci a mantenere la sua solenne promessa. “

Ha affermato che per mantenere la promessa fatta dai 153 firmatari della convenzione, entrata in vigore nel 1951, è necessario che tutti i governi ratifichino e attuino pienamente la Convenzione e garantiscano che i responsabili siano chiamati a risponderne.

“È necessaria una rinnovata spinta globale per stabilire e rafforzare meccanismi di prevenzione, educare le nuove generazioni sui genocidi passati e contrastare la cattiva informazione e la disinformazione, che possono alimentare discorsi di odio e intenzioni e azioni genocide”, ha affermato il capo delle Nazioni Unite.

Mentre le accuse di genocidio continuano ad essere avanzate da tutte le parti insieme ai sostenitori di tutto il mondo, nel contesto dell’attuale guerra a Gaza tra militanti israeliani e palestinesi, diamo uno sguardo indietro alla storia del crimine e allo straordinario lavoro di l’avvocato Raphael Lemkin che ha dato vita alla convenzione contro il genocidio, il primo trattato sui diritti umani delle Nazioni Unite.



Da un’altra testata giornalistica. news de news.un.org

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.