-6.3 C
Rome
mercoledì, Febbraio 21, 2024
- Pubblicità -
Scienze & AmbienteConsentire agli arti protesici di "sentire"

Consentire agli arti protesici di “sentire”

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.


Una tecnologia che consente agli amputati di “sentire” l’umidità attraverso una protesi è stata sviluppata da un team di ricercatori dell’Università di Southampton e dell’EPFL, uno dei due istituti federali svizzeri di tecnologia.

Testare il sensore di umidità su una mano protesica.

Testare il sensore di umidità su una mano protesica. Credito immagine: Università di Southampton

Gli scienziati hanno sviluppato un sensore che si adatta a un protesico mano ed è collegato ad uno stimolatore che tocca il moncone di chi lo indossa, in modo che possa sentire la sensazione di bagnato attraverso la pelle.

L’invenzione – una prima mondiale – potrebbe migliorare la destrezza delle mani protesiche e migliorare l’esperienza sensoriale e l’accettazione degli arti protesici da parte dei loro utenti.

Dott. Davide FilingeriProfessore Associato di Fisiologia Termale e Direttore dell’ ThermoSenseLab presso l’Università di Southampton, è dietro l’aspetto del rilevamento dell’umidità del lavoro. Ha detto: “Molto lavoro in questo campo si è concentrato su tecniche che aiutano a ripristinare il controllo motorio, ma il controllo motorio è molto difficile senza la sensazione. Negli ultimi 10 anni, il mondo del lavoro ha cercato di ripristinare quel feedback sensoriale”.

I ricercatori dell’EPFL, guidati dal dottor Solaiman Shokur e comprendenti Maria Ploumitsakou e Jonathan Muheim, hanno sviluppato un sensore che rileva la temperatura tramite una protesi, in collaborazione con il partner clinico Professor Emanuele Gruppioni del centro INAIL (Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro) in Italia. Ora, il dottor Filingeri ha lavorato con loro per consentire a una protesi di rilevare l’umidità e il livello di umidità.

“Grazie al lavoro precedente che abbiamo svolto presso ThermoSenseLab, sappiamo che il modo in cui percepiamo l’umidità è molto legato al modo in cui percepiamo la temperatura; abbiamo una serie specifica di segnali termici che rilevano l’umidità”, ha spiegato il dott. Filingeri.

Gli sviluppi potrebbero avere notevoli benefici fisici e psicologici per i portatori di protesi.

“Riteniamo che ciò possa avere implicazioni sulla destrezza manuale degli amputati attraverso l’arto protesico”, ha affermato il dott. Filingeri. “Ad esempio, il livello di umidità influenza la forza con cui afferri qualcosa: se un bicchiere è bagnato potrebbe essere scivoloso.

“Inoltre, amplia la gamma di sensazioni naturali che gli amputati possono provare e migliora l’incarnazione e l’accettazione dell’arto protesico: gli amputati possono sentirsi più come se la protesi appartenesse al loro corpo.”

L’assistente di dottorato Maria Ploumitsakou, prima autrice dello studio, ha aggiunto: “Comprendere la percezione umana dell’umidità con l’obiettivo di ripristinarla negli utilizzatori di protesi è stata una sfida affascinante. La percezione dell’umidità è un passo avanti verso l’arricchimento del modo in cui i pazienti amputati si sentono e interagiscono con il mondo”.

Il gruppo di ricerca sta ora cercando di dimostrare queste implicazioni del proprio lavoro determinando se il rilevamento del calore e dell’umidità aumenta effettivamente il senso di appartenenza al corpo per i portatori di protesi.

Il dottor Filingeri ha aggiunto: “Abbiamo lavorato sul rilevamento dell’umidità negli ultimi dieci anni ed è meraviglioso che la nostra ricerca fondamentale venga utilizzata e tradotta per l’impatto clinico”.

La ricerca è pubblicato on-line.

Fonte: Università di Southampton



Da un’altra testata giornalistica. news de www.technology.org

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.