-6.3 C
Rome
mercoledì, Febbraio 21, 2024
- Pubblicità -
Scienze & AmbienteGli scienziati creano una nuova "candela" per le reazioni di fusione

Gli scienziati creano una nuova “candela” per le reazioni di fusione

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.


Tecniche sviluppate con il Laboratorio per l’Energetica dei Laser OMEGA sistema laser mantenere la promessa di innescare la fusione su scala più ampia.

Scienziati del Università di Rochester‘S Laboratorio di Energetica Laser (LLE) hanno condotto esperimenti per dimostrare un’efficace “candela” per i metodi di fusione a confinamento inerziale (ICF) a guida diretta. In due studi pubblicati in Fisica della Naturagli autori discutono i loro risultati e delineano come possano essere applicati su scala più ampia con la speranza di produrre eventualmente la fusione in una struttura futura.

LLE è il più grande programma universitario del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti e ospita il Sistema laser OMEGA, che è il più grande laser accademico al mondo ma rappresenta ancora quasi un centesimo dell’energia del National Ignition Facility (NIF) presso il Lawrence Livermore National Laboratory in California. Con OMEGA, gli scienziati di Rochester hanno completato con successo diversi tentativi di sparare 28 kilojoule di energia laser su piccole capsule riempite di deuterio e combustibile trizio, provocando l’implosione delle capsule e producendo un plasma sufficientemente caldo da avviare reazioni di fusione tra i nuclei di combustibile. Gli esperimenti hanno causato reazioni di fusione che hanno prodotto più energia rispetto alla quantità di energia contenuta nel plasma caldo centrale.

Gli esperimenti OMEGA utilizzano l’illuminazione laser diretta della capsula e differiscono dall’approccio a guida indiretta utilizzato sul NIF. Quando si utilizza l’approccio a guida indiretta, la luce laser viene convertita in raggi X che a loro volta guidano l’implosione della capsula. Il NIF ha utilizzato la trasmissione indiretta per irradiare una capsula con raggi X utilizzando circa 2.000 kilojoule di energia laser. Ciò ha portato a un 2022 svolta al NIF nel raggiungimento dell’accensione per fusione—una reazione di fusione che crea un guadagno netto di energia dal bersaglio.

“Generare più energia di fusione rispetto al contenuto energetico interno del luogo in cui avviene la fusione è una soglia importante”, afferma l’autore principale dello studio. primo documento Dottorato di ricerca di Connor Williams nel ’23 (fisica e astronomia), ora scienziato presso i Sandia National Labs specializzato in radiazioni e progettazione di bersagli ICF. “Questo è un requisito necessario per qualsiasi cosa tu voglia realizzare in seguito, come bruciare plasmi o ottenere l’accensione.”

Dimostrando di poter raggiungere questo livello di prestazioni di implosione con soli 28 kilojoule di energia laser, il team di Rochester è entusiasta della prospettiva di applicare metodi di azionamento diretto a laser con più energia. Sebbene dimostrare una candela sia un passo importante, OMEGA è troppo piccolo per comprimere abbastanza carburante per arrivare all’accensione.

“Se alla fine si riesce a creare la candela e comprimere il carburante, la trasmissione diretta ha molte caratteristiche favorevoli per l’energia di fusione rispetto alla trasmissione indiretta”, afferma Varchas Gopalaswamy ’21 PhD (industria meccanica), lo scienziato LLE che ha guidato il secondo studio che esplora le implicazioni dell’utilizzo dell’approccio a guida diretta su laser di classe megajoule, simili alle dimensioni del NIF. “Dopo aver ridimensionato i risultati OMEGA a pochi megajoule di energia laser, si prevede che le reazioni di fusione diventeranno autosufficienti, una condizione chiamata ‘plasmi in fiamme’.”

Gopalaswamy afferma che l’ICF a guida diretta è un approccio promettente per ottenere l’accensione termonucleare e l’energia netta nella fusione laser.

“Un fattore importante che contribuisce al successo di questi recenti esperimenti è lo sviluppo di un nuovo metodo di progettazione dell’implosione basato su previsioni statistiche e convalidato da algoritmi di apprendimento automatico”, afferma Riccardo Betti, capo scienziato della LLE e professore Robert L. McCrory presso il Dipartimento di Ingegneria Meccanica e il Dipartimento di Fisica e Astronomia. «Questi modelli predittivi ci consentono di restringere il pool di progetti candidati promettenti prima di effettuare esperimenti preziosi».

Fonte: Università di Rochester



Da un’altra testata giornalistica. news de www.technology.org

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.