-6.3 C
Rome
mercoledì, Febbraio 21, 2024
- Pubblicità -
Scienze & AmbienteIl farmaco per il cuore del veleno di ragno è sempre più...

Il farmaco per il cuore del veleno di ragno è sempre più vicino

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.


Una molecola di veleno di ragno studiata da un team dell’Università del Queensland ha raggiunto parametri critici per diventare un trattamento per l’infarto colpo.

Il professore associato Nathan Palpant e il professor Glenn King esaminano le cellule cardiache in un laboratorio dell'IMB.

Il professore associato Nathan Palpant e il professor Glenn King esaminano le cellule cardiache in un laboratorio dell’IMB. Credito immagine: Università del Queensland

Professore associato Nathan Palpant E Il professor Glenn King da UQ Istituto di Bioscienza Molecolare hanno precedentemente dimostrato che il farmaco candidato Hi1a protegge le cellule dai danni causati da infarto e ictus.

Il dottor Palpant ha affermato che uno studio successivo ha sottoposto il farmaco a una serie di test preclinici progettati per imitare scenari di trattamento nella vita reale.

“Questi test rappresentano un passo importante per aiutarci a capire come l’Hi1a funzionerebbe come terapeutico, in quale fase di un attacco cardiaco potrebbe essere utilizzato e quali dovrebbero essere le dosi”, ha affermato il dottor Palpant.

“Abbiamo stabilito che Hi1a è efficace nel proteggere il cuore quanto l’unico farmaco cardioprotettivo a raggiungere la fase 3 degli studi clinici, un farmaco che alla fine è stato accantonato a causa degli effetti collaterali.

“È importante sottolineare che abbiamo scoperto che Hi1a interagisce solo con le cellule nella zona lesionata del cuore durante un attacco e non si lega alle regioni sane del cuore, riducendo la possibilità di effetti collaterali”.

Il professor King, che ha recentemente vinto il Premio del Primo Ministro per l’innovazione per aver sviluppato i primi insetticidi al mondo a base di veleno di ragno, ha scoperto Hi1a nel veleno del Ragno della ragnatela a imbuto K’gari.

Ragno della ragnatela a imbuto K'gari.

Ragno della ragnatela a imbuto K’gari. Credito immagine: Università del Queensland

“L’Hi1a potrebbe ridurre i danni al cuore e al cervello durante infarti e ictus prevenendo la morte cellulare causata dalla mancanza di ossigeno”, ha affermato il professor King.

“I nostri studi sui test e sulla sicurezza condotti da organizzazioni di ricerca a contratto indipendenti hanno fornito la prova che Hi1a potrebbe essere una terapia efficace e sicura”.

Infensa Bioscience, una società co-fondata dai ricercatori, ha raccolto 23 milioni di dollari nel 2022 per sviluppare Hi1a per scopi commerciali.

CEO di Infensa e ricercatore UQ, Professore associato Mark Smytheha affermato che le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte a livello globale.

“La maggior parte dei decessi dovuti a malattie cardiovascolari sono causati da infarti e ictus, ma non esistono farmaci sul mercato che prevengano i danni che provocano”, ha affermato il dottor Smythe.

“Un farmaco efficace per trattare l’infarto avrebbe un impatto mondiale, fornendo una svolta per migliorare la vita di milioni di persone che vivono con malattie cardiache”.

Del gruppo di ricerca facevano parte anche la Dott.ssa Meredith Redd dell’IMB La dottoressa Melissa Reichelt e il dottor Yusuke Yoshikawa della Scuola di Scienze Biomediche dell’UQ.

La ricerca è stata finanziata dall’Australian National Health and Medical Research Council, dall’Australian Medical Research Future Fund, dall’Università del Queensland, da Infensa Bioscience, The Heart Foundation e The Lott by Golden Casket.

Lo studio è stato pubblicato sulla principale rivista cardiaca mondiale Il giornale europeo del cuore.

Fonte: Università del Queensland



Da un’altra testata giornalistica. news de www.technology.org

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.