-6.3 C
Rome
mercoledì, Febbraio 21, 2024
- Pubblicità -
Scienze & AmbienteL'algoritmo di Amazon potrebbe aver manipolato il concetto del "miglior prezzo".

L’algoritmo di Amazon potrebbe aver manipolato il concetto del “miglior prezzo”.

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.


Amazon sta affrontando una proposta di azione legale collettiva negli Stati Uniti contro il colosso della vendita al dettaglio online violato le leggi sulla tutela dei consumatori indirizzando centinaia di milioni di acquirenti verso articoli a prezzo più alto per generare commissioni aggiuntive.

Pacchetti di consegna Amazon - foto illustrativa.

Pacchi di consegna Amazon – foto illustrativa. Credito immagine: Anirudh tramite Unsplash, licenza gratuita

La denuncia, depositata presso il tribunale federale di Seattle, sostiene che l’algoritmo di Amazon, che determina gli articoli visualizzati nella sua “Buy Box” durante le ricerche di prodotti, spesso nasconde opzioni a basso prezzo con tempi di consegna più rapidi.

La causa, citando il recente caso antitrust intentato contro Amazon dalla Federal Trade Commission degli Stati Uniti e da 17 stati, sostiene che gli acquirenti scelgono le selezioni di Amazon quasi il 98% delle volte, spesso nella falsa convinzione che queste scelte rappresentino i migliori prezzi disponibili.

Secondo la denuncia, Amazon ha progettato l’algoritmo per favorire i venditori terzi che partecipano al suo programma Fulfillment By Amazon, che pagano commissioni sostanziali per servizi quali stoccaggio dell’inventario, imballaggio, spedizione e resi.

La denuncia afferma: “Mentre identifica apparentemente la selezione che i consumatori farebbero se considerassero tutte le offerte disponibili, l’algoritmo Buy Box di Amazon favorisce ingannevolmente i profitti di Amazon rispetto al benessere dei consumatori”. Amazon ha scelto di non fornire un commento in merito.

L’azione legale è stata avviata dai residenti della California Jeffrey Taylor e Robert Selway. L’obiettivo è quello di garantire il risarcimento dei danni per le presunte violazioni da parte di Amazon di una legge dello stato di Washington contro le pratiche commerciali ingannevoli dal 2016, ponendo un onere considerevole sui suoi clienti, secondo l’avvocato dei querelanti Steve Berman.

Diversamente da altri procedimenti legali relativi alla “Buy Box”, questo caso si concentra sul potenziale danno ai consumatori derivante da pratiche ingannevoli, piuttosto che concentrarsi su violazioni antitrust o danni ai venditori che scelgono di non aderire al programma di evasione ordini di Amazon.

Scritto da Vytautas Valinskas



Da un’altra testata giornalistica. news de www.technology.org

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.