-6.3 C
Rome
mercoledì, Febbraio 21, 2024
- Pubblicità -
Scienze & AmbienteL’Antartide orientale è più vicina allo scioglimento di quanto si pensasse

L’Antartide orientale è più vicina allo scioglimento di quanto si pensasse

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.


In un clima caldo, acqua di disgelo dall’Antartide si prevede che contribuirà in modo significativo all’innalzamento dei mari. Per la maggior parte, però, la ricerca si è concentrata sull’Antartide occidentale, in luoghi come il ghiacciaio Thwaites, che ha visto un significativo scioglimento negli ultimi decenni.

Raccolta di dati radar terrestri per acquisire immagini di chilometri di ghiaccio con onde elettromagnetiche

Raccolta di dati radar terrestri per acquisire immagini di chilometri di ghiaccio con onde elettromagnetiche. Credito immagine: Eliza Dawson

In un articolo pubblicato in Lettere di ricerca geofisicai ricercatori di Stanford hanno dimostrato che il bacino subglaciale di Wilkes nell’Antartide orientale, che contiene abbastanza ghiaccio da innalzare il livello globale del mare di oltre 3 metri, potrebbe essere più vicino allo scioglimento galoppante di quanto si pensasse.

“Non sono state effettuate molte analisi in questa regione: c’è un enorme volume di ghiaccio lì, ma è stato relativamente stabile”, ha affermato Eliza Dawson, dottorando in geofisica a Stanford e primo autore dell’articolo. “Stiamo osservando per la prima volta la temperatura alla base della calotta glaciale e quanto è vicina al potenziale scioglimento”.

Il bacino subglaciale di Wilkes ha le dimensioni della California e sfocia nell’Oceano Antartico attraverso una sezione relativamente piccola della costa. Dawson e i suoi colleghi hanno trovato prove che la base della calotta glaciale è prossima allo scioglimento. Ciò solleva la possibilità che questa regione costiera, che trattiene il ghiaccio all’interno dell’intero bacino subglaciale di Wilkes, possa essere sensibile anche a piccoli cambiamenti di temperatura.

Un mix di congelato e scongelato

Precedenti ricerche hanno dimostrato che, poiché il terreno in questa regione è sotto il livello del mare e digrada verso il basso lontano dall’oceano, il bacino subglaciale di Wilkes potrebbe essere particolarmente vulnerabile allo scioglimento irreversibile se l’acqua di mare riscaldata dovesse penetrare sotto la calotta glaciale. Dawson e i suoi colleghi sono i primi a osservare come l’attuale temperatura alla base della calotta glaciale nella regione potrebbe aumentare questa vulnerabilità.

I ricercatori hanno raccolto dati dalle indagini radar esistenti condotte da aerei che sorvolavano il ghiacciaio. Gli aerei registrano le riflessioni dei segnali elettromagnetici che hanno viaggiato attraverso la calotta glaciale e sono rimbalzati sul terreno sottostante. Dawson e i suoi colleghi hanno sviluppato una nuova tecnica per analizzare questi dati, trasformando le immagini in sezione trasversale del ghiaccio e del substrato roccioso in informazioni sulle condizioni di temperatura alla base della calotta glaciale.

La LC-130 Hercules preleva gli scienziati alla stazione McMurdo, in Antartide, alla fine della stagione sul campo, diretti a Christchurch, in Nuova Zelanda.

La LC-130 Hercules preleva gli scienziati alla stazione McMurdo, in Antartide, alla fine della stagione sul campo, diretti a Christchurch, in Nuova Zelanda. Credito immagine: Eliza Dawson/Università di Stanford

“La temperatura del ghiaccio influisce su quanto il radar viene riflesso in più modi, quindi una singola misurazione è ambigua”, ha affermato Dustin Schröder, professore associato di geofisica e di ingegneria elettrica. “Questo approccio statistico prevedeva essenzialmente la selezione di regioni che si poteva supporre fossero congelate o scongelate e il confronto con esse di altre firme radar. Ci ha permesso di dire se altre aree della calotta glaciale erano definitivamente congelate, decisamente scongelate o difficili da definire».

I ricercatori hanno trovato ampie aree di terreno ghiacciato e disgelato sparse in tutta la regione, ma la maggior parte dell’area non poteva essere classificata in modo definitivo come l’uno o l’altro. In alcuni casi, ciò potrebbe essere dovuto a cambiamenti nella geometria della calotta glaciale o ad altre complicazioni nei dati, ma potrebbe anche significare che ampie sezioni di terreno sotto la calotta glaciale sono prossime allo scongelamento o costituite da strati ghiacciati strettamente mescolati. e aree scongelate. Se quest’ultima ipotesi fosse vera, i ghiacciai nel bacino subglaciale di Wilkes potrebbero raggiungere un punto critico con solo un piccolo aumento della temperatura alla base della calotta glaciale.

“Ciò suggerisce che il ritiro dei ghiacciai potrebbe essere possibile in futuro”, ha detto Dawson. “Questa parte dell’Antartide orientale è stata in gran parte trascurata, ma dobbiamo capire come potrebbe evolversi e diventare più instabile. Cosa dovrebbe accadere per iniziare a vedere la perdita di massa?

Previsioni migliori per l’Antartide orientale

Diversi modelli hanno previsto futuri molto diversi per il bacino subglaciale di Wilkes e il suo impatto sull’innalzamento del livello del mare perché semplicemente non c’erano dati sufficienti sulla regione. I ricercatori stanno progettando di integrare le loro osservazioni della temperatura basate su radar in un modello di calotta glaciale per migliorare le previsioni su come la regione si evolverà in vari scenari climatici.

Sperano che il loro lavoro evidenzi l’importanza di esaminare questa e altre aree dell’Antartide orientale che sono sembrate stabili, ma che potrebbero svolgere un ruolo significativo nel nostro futuro.

“Quest’area presenta condizioni che potremmo immaginare di cambiare”, ha detto Schroeder. “E se l’acqua calda dell’oceano arrivasse lì, “accenderebbe” un intero settore dell’Antartide che normalmente non consideriamo un fattore che contribuisce all’innalzamento del livello del mare”.

Fonte: Università di Stanford



Da un’altra testata giornalistica. news de www.technology.org

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.