19.1 C
Rome
mercoledì, Aprile 24, 2024
- Pubblicità -
EuropeAzioni decisive necessarie nell’UE per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile entro...

Azioni decisive necessarie nell’UE per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile entro il 2030: rapporto ESDR

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.

PARIGI, FRANCIA, 25 gennaio 2024 – Il Rapporto sullo sviluppo sostenibile in Europa 2023/24 (ESDR), un nuovo rapporto pubblicato oggi prodotto dalla Rete delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile (SDSN) in collaborazione con SDSN Europe e il Comitato economico e sociale europeo (CESE) ), rivela che occorre intraprendere azioni decisive nel Unione Europea (UE) per evitare “punti critici” ambientali e sociali e per mantenere la promessa di raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) dell’Agenda 2030 e gli obiettivi dell’Accordo di Parigi sul clima.

La quinta edizione dell’ESDR, che comprende l’indice e le dashboard degli SDG, tiene traccia dei progressi rispetto agli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’UE, dei suoi Stati membri e dei paesi partner in Europa. Il rapporto evidenzia che al ritmo attuale, a Un terzo degli obiettivi di sviluppo sostenibile non sarà raggiunto dall’UE entro il 2030, con differenze significative tra i paesi europei; si va da un quarto nell’Europa settentrionale e occidentale a circa la metà nell’Europa meridionale e centrale e orientale in media. In particolare, il rapporto sottolinea la stagnazione e l’inversione di tendenza in molti paesi europei riguardo agli obiettivi sociali, con crescenti problemi relativi all’accesso e alla qualità dei servizi per tutti, nonché povertà e deprivazione materiale guidate almeno in parte da molteplici crisi dal 2020. l’architettura finanziaria internazionale non riesce a incanalare il risparmio globale SDG investimenti al ritmo e nella scala necessari, il che porta a un’inversione di tendenza nel progresso degli Obiettivi di sviluppo sostenibile in molte parti del mondo, soprattutto nei paesi più poveri e vulnerabili.

Il rapporto di quest’anno fornisce contributi essenziali affinché l’UE possa rafforzare la propria leadership in materia di obiettivi di sviluppo sostenibile a livello nazionale e internazionale in vista delle elezioni europee di giugno 2024 e del Summit del futuro convocato dal Segretario generale delle Nazioni Unite a settembre 2024.

Guillaume Lafortunevicepresidente della SDSN e autore principale del rapporto, sottolinea:

“I partiti politici in campagna elettorale per le elezioni europee e i futuri leader dell’Unione europea hanno responsabilità storiche. Gli obiettivi di sviluppo sostenibile adottati da tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite nel 2015 non vengono raggiunti in Europa e nel mondo, ma rimangono il futuro che l’Europa e il mondo desiderano. Durante questo decennio è necessario intraprendere azioni decisive. Non è questo il momento di fare marcia indietro o di annacquare quanto è stato raggiunto e concordato per sostenere l’attuazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile e dell’Accordo di Parigi sul clima. Sono necessari investimenti a lungo termine e cooperazione regionale per stimolare le competenze e l’innovazione e offrire pari opportunità a tutti. In un mondo multipolare e frammentato, le coalizioni di leader di pensiero europei devono lavorare insieme per gettare le basi gettare le basi per un nuovo patto europeo per il futuro e svolgere un ruolo di leadership a livello internazionale per prepararsi ai prossimi decenni di sviluppo sostenibile globale”.

Adolf Kloke-Leschcopresidente di SDSN Europe e altro autore principale del rapporto, sottolinea:

“L’UE dovrebbe trasformare il suo ruolo globale e le sue ampie reti in potenti strumenti di trasformazione globale. Allineando le sue politiche esterne al bene comune globale espresso nell’Agenda 2030 con gli obiettivi di sviluppo sostenibile, l’UE non può che rafforzare la propria autonomia strategica a lungo termine. L’UE dovrebbe collaborare strettamente con le presidenze del G21 di Brasile (2024) e Sud Africa (2025) e con le presidenze del G7 di Italia (2024) e Canada (2025) per riportare sulla buona strada l’agenda degli OSS. All’interno di entrambi i gruppi, l’UE, la Francia, la Germania e l’Italia dovrebbero formare un “Team Europa per gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile” dedicato per lottare per un ordine internazionale aperto e cooperativo per promuovere lo sviluppo sostenibile globale. Nel mondo di oggi, la cooperazione internazionale deve diventare progressivamente reciprocamente trasformativa, dando ai partner voce e mezzi anche nell’architettura finanziaria europea, nonché per quanto riguarda le misure politiche e gli sviluppi nell’UE che li riguardano fortemente”.

Molteplici e simultanee crisi sanitarie, di sicurezza, geopolitiche, climatiche e finanziarie hanno portato in media a un rallentamento dei progressi degli Obiettivi di sviluppo sostenibile nell’UE, guidato in particolare dalla lentezza dei progressi sui risultati socioeconomici e sugli obiettivi ambientali. La Finlandia è in cima all’indice SDG quest’anno (per il quarto anno consecutivo), ma anche i paesi in cima all’indice SDG devono affrontare sfide significative nel raggiungimento di diversi SDG. L’UE si trova ad affrontare le maggiori sfide legate agli OSS nel consumo e nella produzione responsabili, nel clima e nella biodiversità, nell’uso del territorio e nell’alimentazione sostenibili e nel promuovere la convergenza nel progresso degli OSS tra i suoi Stati membri.

L’edizione di quest’anno evidenzia anche le sfide legate al principio “Non lasciare nessuno indietro” incluso nell’Agenda 2030. L’indice “Leave No One Behind” (LNOB) incluso nelle misure del rapporto all’interno del paese disuguaglianze in quattro dimensioni: povertà estrema e deprivazione materiale; disparità di reddito; disparità di genere; e l’accesso e la qualità dei servizi. L’Indice evidenzia progressi minimi e persino inversioni in tre delle quattro dimensioni per la maggior parte dei paesi europei dal 2020. La situazione è particolarmente

allarmante riguarda la sottodimensione “accesso e qualità dei servizi”, dove 32 dei 34 paesi europei coperti dall’Indice non mostrano alcun progresso o inversione di tendenza. L’efficace funzionamento delle democrazie e delle istituzioni europee, che sono al centro della transizione allo sviluppo sostenibile, dipende dalla capacità della leadership dell’UE e degli Stati membri di garantire pari opportunità, proteggere i più vulnerabili e promuovere l’istruzione e le competenze per tutti.

Come evidenziato nelle edizioni precedenti, il rapporto rileva inoltre che l’UE è responsabile di significative “ricadute internazionali” negative, guidate in parte da consumi non sostenibili e da catene di approvvigionamento internazionali.

Nel giugno 2024 i cittadini dell’UE eleggeranno il nuovo Parlamento europeo. I futuri leader dell’UE avranno la responsabilità di approvare il prossimo bilancio settennale dell’UE (2028-2035) e di negoziare la prossima agenda globale per lo sviluppo sostenibile per portare avanti gli obiettivi di sviluppo sostenibile oltre il 2030. Nell’attuale mondo frammentato e multipolare, la leadership dell’UE deve adottare un approccio più ambizioso, integrato e coerente per accelerare l’attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile a livello nazionale e internazionale. A complemento del rapporto ESDR 2023/24, un gruppo di oltre 100 scienziati, esperti e professionisti provenienti da oltre 20 paesi europei ha pubblicato oggi un appello congiunto all’azione rivolto ai partiti politici e alla futura leadership dell’UE per gettare le basi per un nuovo Il patto europeo per il futuro con dieci azioni prioritarie:

  1. Rispondere al grave pericolo di “punti di svolta sociali” negativi riducendo significativamente il rischio di povertà ed esclusione sociale dei cittadini europei.
  2. Raddoppiare gli sforzi per raggiungere l’obiettivo di zero emissioni nette nell’UE entro il 2050, con importanti progressi entro il 2030.
  3. Rafforzare le autorità regionali e locali nel raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile, anche monitorando e segnalando regolarmente i progressi verso gli Obiettivi di sviluppo sostenibile a tutti i livelli.
  4. Contenere le ricadute negative a livello internazionale e sostenere la trasformazione verso un sistema commerciale sostenibile.
  5. Sfruttare il Team Europe per la diplomazia globale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e rafforzare formati diversi e universali, in particolare le Nazioni Unite.
  6. Intensificare il ruolo multilaterale dell’Europa guidando gli sforzi globali per riformare l’architettura finanziaria globale.
  7. Riorientare i partenariati internazionali dell’UE sugli obiettivi di sviluppo sostenibile e procedere verso una cooperazione reciprocamente trasformativa.
  8. Mobilitare i mezzi finanziari per le trasformazioni verso un futuro sostenibile.
  9. Istituzionalizzare l’integrazione degli SDG nella pianificazione strategica, nel coordinamento macroeconomico, nei processi di bilancio, nelle missioni di ricerca e innovazione e in altri strumenti politici.
  10. Stabilire nuovi meccanismi permanenti per un impegno strutturato e significativo con la società civile, compresi i giovani, e all’interno del Parlamento europeo sui percorsi e le politiche degli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

Il 5th L’edizione europea del Rapporto sullo sviluppo sostenibile fa parte della più ampia serie dei Rapporti sullo sviluppo sostenibile (SDR). Dal 2015, l’SDR fornisce i dati più aggiornati per monitorare e classificare la performance dell’Europa e di tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite rispetto agli obiettivi di sviluppo sostenibile. L’ESDR di quest’anno copre i 27 Stati membri dell’UE, quattro paesi dell’Associazione europea di libero scambio (Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera), il Regno Unito e i paesi candidati all’UE (Albania, Bosnia ed Erzegovina, Repubblica di Macedonia del Nord, Montenegro, Serbia e Turchia).[1] Il rapporto è stato preparato da un gruppo di esperti indipendenti di SDSN e SDSN Europe ed è co-progettato e co-creato da e con la società civile in Europa. L’edizione di quest’anno si basa su tre workshop e una consultazione pubblica online organizzati tra aprile e novembre 2023. La metodologia si basa sull’edizione globale del Rapporto sullo sviluppo sostenibile, che è stato sottoposto a revisione paritaria da Cambridge University Press e Nature Geoscience e sottoposto a revisione statistica in 2019 dal Centro comune di ricerca (JRC) della Commissione europea.


[1] A causa della loro recentissima adesione allo status di paese candidato e alla luce di significative lacune e ritardi nei dati, Georgia, Moldavia e Ucraina non sono incluse nell’edizione di quest’anno.

Il rapporto è accessibile Qui (disponibile online dal 24 gennaio 2024 alle 23:59 CET). I siti Web e i collegamenti per la visualizzazione dei dati sono disponibili di seguito.

Sito web: https://sdgtransformationcenter.org/

Visualizzazione dati: https://eu-dashboards.sdgindex.org/

Originalmente pubblicato su The European Times.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -
- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Contenuti esclusivi

Iscriviti oggi

OTTENERE L'ACCESSO ESCLUSIVO E COMPLETO AI CONTENUTI PREMIUM

SOSTENERE IL GIORNALISMO NON PROFIT

Get unlimited access to our EXCLUSIVE Content and our archive of subscriber stories.

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

Articoli più recenti

Altri articoli

- Pubblicità -Newspaper WordPress Theme

INFORMATIVA: Alcuni degli articoli che pubblichiamo provengono da fonti non in lingua italiana e vengono tradotti automaticamente per facilitarne la lettura. Se vedete che non corrispondono o non sono scritti bene, potete sempre fare riferimento all'articolo originale, il cui link è solitamente in fondo all'articolo. Grazie per la vostra comprensione.